Giornata alimentazione. Il messaggio di Kofi Annan

“Ce’ bisogno di una vera alleanza internazionale per vincere la lotta contro la fame”: lo sottolinea il segretario generale dell’Onu Kofi Annan in un messaggio in occasione della giornata mondiale dell’alimentazione che viene celebrata oggi. “Nonostante lo straordinario progresso tecnologico e agricolo dell’era moderna, l’atavica e gravissima piaga della fame e’ ancora con noi. Ogni giorno, 840 milioni di persone non hanno abbastanza da mangiare. Nell’Asia meridionale una persona su quattro soffre la fame e nell’Africa subsahariana la proporzione e’ di ben uno su tre”, spiega Annan. Uno degli obiettivi di sviluppo del millennio e’ quello di sradicare la poverta’ e la fame, sottolinea il segretario dell’Onu. La dichiarazione del millennio dell’Onu esorta a dimezzare, entro il 2015, la percentuale delle persone che vivono con meno di un dollaro al giorno e quella delle persone afflitte dalla fame. Il vertice mondiale sull’alimentazione,
tenutosi nel 1996, si prefiggeva anche di dimezzare, entro il 2015, il numero degli affamati obiettivo riaffermato al vertice mondiale sull’alimentazione del 2002: cinque anni dopo. “Questi obiettivi sono la nostra sfida e ci restano soltanto dodici anni per realizzarli. Tuttavia sono raggiungibili. La loro attuazione necessita di interventi su diversi fronti allo scopo di incrementare la produzione alimentare e di migliorarne la distribuzione”, scrive Annan. A suo avviso e’ inoltre necessario un deciso intervento sugli altri obiettivi di sviluppo del millennio, dal momento che la sicurezza alimentare e’ collegata all’istruzione,
all’igiene, alla parita’ fra i sessi, alla sostenibilita’ ambientale ed al controllo delle malattie infettive. “Esorto tutti i nostri partner, a livello nazionale, regionale ed internazionale, ad unirsi e a dimostrare volonta’ politica in modo da garantire risorse e competenze necessarie per vincere la lotta contro la fame una delle piu’ importanti e vitali in cui il mondo e’ impegnato”, ha detto Annan.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *