Il Government Security Program: Stanca firma un protocollo d’intesa con Microsoft

(ANSA) – ROMA, 16 SET – ”Un governo democratico non avrebbe dovuto stringere un patto segreto con un’azienda americana, accusata dallo stesso governo Usa di monopolio nel proprio Paese, disattendendo cosi’ le aspettative della Commissione Open Source”. Ad affermarlo e’ il presidente della sezione italiana della free software foundation, Stefano Maffulli, in seguito alla firma avvenuta oggi del protocollo d’intesa ‘Government Security program’, tra il ministro per l’innovazione e le tecnologie Lucio Stanca e la Microsoft. Secondo Maffulli ”si rischia di consegnare l’infrastruttura informatica dell’e-Government ad una terza realta’, gettando alle ortiche il lavoro ed i suggerimenti avanzati dalla Commissione Open Source”. L’interoperabilita’ ed il dialogo con i sistemi aperti, ”non sono affatto garantiti – afferma il rappresentante del Fsf – anzi, saranno possibili solo con prodotti firmati Microsoft”. Inoltre, conclude Maffulli, chiunque avra’ accesso al codice cadra’ ”ostaggio del gigante del software, perche’ non potra’ piu’ scrivere il crittografico senza rischiare di essere accusato di utilizzare frammenti del codice”.(ANSA).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *