Il mate: un’alternativa al caffè

Matero e bombilla Il mate è un infuso di erba ottimo e poco conosciuto in Italia. Si produce dalle foglie dello “Yerba Mate”, una pianta (Ilex paraguaiensis) che nasce in Brasile, Argentina, Uruguay e Paraguay. Gli indios Guarani’ furono i primi a farci conoscere il mate (quelli del bellissimo ed eloquente “Mission” di Roland Joffé, palma d’oro a Cannes), oggi è diffusissima nel Sud America; a me è stata fatta assaggiare da Carolina, mia cugina di Cordoba (Argentina), prima di allora sapevo solo che Ernesto Guevara lo beveva per alleviare il suo asma (un altro Argentino, di Rosario però).
Studi condotti da importanti Istituti come il Pasteur di Parigi dimostrano che l’infuso del mate contiene praticamente tutte le vitamine necessarie al sostentamento umano, è un disintossicante metabolico, un potente antiossidante grazie all’azione di ben 11 polifenoli, previene l’invecchiamento delle cellule, antidepressivo, energizzante e tonico naturale.
Grazie ad una sostanza simile alla caffeina: la mateina, favorisce la concentrazione e l’attività celebrale, è una bevanda alternativa al caffè ma senza i suoi effetti negativi. Ovviamente non si può eccedere come con tutte le cose, anche se naturali.
Originale il modo di berlo: si riscalda l’acqua ma non fino a farla bollire, si mettono 2-3 cucchiaini di foglie di mate nel matero (caratteristico recipiente di forme e materiali vari) si versa l’acqua calda fino a riempirlo e si beve dalla bombilla (apposita cannuccia che non lascia filtrare l’erba).
Il sapore è amarognolo ma si può mettere anche lo zucchero, consiglio di non berlo davanti alla TV, potreste pensare che sia un allucinogeno, invece è tutto vero.
Può sembrare una bevanda esotica e distante dalle nostre consuetudini ma in fondo anche il caffé non è napoletano, il cacao non è svizzero, il Té non è inglese.
Erba mate, matero e bombilla (vedi foto) si possono trovare nelle botteghe del commercio equo oramai abbastanza diffuse in ogni città.

ulteriore articolo sul mate in questo blog

11 risposte a “Il mate: un’alternativa al caffè”

  1. Sono argentina e voglio dire che mi fa molto piacere leggere tutte le vostre opinioni sulla nostra bevanda nazionale. Sono fiera di poter dire che abbiamo una bevanda che sa trasmettere tanti sentimenti profondi. Adesso vivo in Italia e con mio marito tutti i giorni, come in Argentina, beviamo il Mate.
    Volevo, però, fare due segnalazioni: la prima si riferisce al Mate amaro. Il mate “originale”, in realtà, è il mate amaro perché non aggiungendo lo zucchero si gode l’ autentico sapore della “yerba” (e ci sono altri motivi ma non vorrei annoiarvi più di tanto…).
    La seconda: il “Mate” è il nome non soltanto della situazione del bere, ma è il nome del contenitore. Il “matero”, in argentino, significa “persona che beve tanto mate, tutti i giorni”. “Essere matero” è essere una persona che ha l’ abitudine del mate. Il contenitore, però, si chiama… MATE!!!!
    Grazie a tutti, a presto!
    Belén

  2. La yerba mate non si può fumare…. più precisiamente non la fuma nessuno.
    Penso che gli effetti non siano molto diversi dal fumarsi altre piantine tipo l’origano,
    sicuramente meglio fumarsi altri vegetali anche se io non sono mai stato un praticante perché ho sempre odiato gli effetti dell’ingiusto proibizionismo:
    http://www.disinformazione.it/cannabis.htm
    http.//www.fuoriluogo.it
    ciao

  3. sembra incredibile, comunque dove abito io (valtellina) ci sono una piccola comunità di paesi (talamona e limitrofi) in cui, dacchè la memoria comune ricorda, è abituale bere il mate…
    difatti io lo trovo tranquillamente nel mio pur sfornitissimo alimentari, marca “cruz de malta” (2.3 euro x 250g) che a quanto mi dicono è rimasto invariato, anche nella confezione, negli ultimi 50 anni.
    ovviamente qui nessuno ha mai avuto un matero e non lo si beve in maniera tradizionale, quella che tutti i nonni consigliano è mate con vino e burro!
    una vera bomba ;)
    p.s. magari qualcuno ha il mio stesso problema: ho letto che il mate aiuta i processi digestivi, io però soffro di reflusso gastrico e mi son stati sconsigliati gli stimolanti quali thè e caffè, potrò bere il mate?

    1. io ho una moglie argentina e insieme beviamo mate tutti i giorni, ho avuto il tuo stesso problema di reflusso poi mi sono accorto che la combinazione micidiale era il mate con il dolce.
      Quindi mate senza zucchero e se vuoi spizzicare qualcosa, solo cose tipo crakers con formaggio o cose salate.
      Y VIVA MATE, VIVA ARGENTINA Y VIVA LA REVOLUCION…CULTURALE

  4. Ultimamente si trova il mate anche nei grandi centri commerciali io l’ho trovato all’Auchan di Mestre.
    Spero che il fatto che “yerba” in spagnolo significhi “erba” non sia fuorviante…insomma non fatevi strane idee.
    Il mate è un semplice infuso,molto amaro ma innocui al 100%.
    Saludos!

  5. Il Mate sarà anche un’ottima bevanda, ma contiene mateina, che è in pratica la caffeina, quindi non è consigliabile a chi ha problemi con la caffeina o come sostituto del caffè.
    Giusto per precisare.

  6. TRA POCO POTETE TROVARE IL MATE ANCHE IN ITALIA! http://www.drinkyerbmate.com STIAMO STUDIANDO UNA LINEA A BASE YERBA MATE, UNA TISANA DIMAGRANTE, UNA TISANA CON MENTA E UNA CON VERBENA E MELISSA. AL TIPICO MODO ARGENTINO E BRASILIANO. SI PUO FARE COME UNA TISANA NORMALE O CON LA BOMBILLA. A VOI LA SCELTA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *