Il Monopolio Brevettuale non aiuta le aziende e limita la produzione

Desidero informarLa che insieme allAssociazione Culturale Punto Rosso abbiamo presentato al Social Forum Mondiale di Porto Alegre un concorso sulla “necessità di ridefinire il principio brevettuale”.

Tale concorso prevede 4 premi di Euro 1.500 cadauno destinati ad ognuno dei seguenti paesi: Italia, Brasile, Argentina e Sud Africa. Si rivolge agli studenti di scienze giuridiche, economiche e sociali e saranno premiate le migliori proposte.

Il tema verte soprattutto sulla ipotesi che, benché vadano retribuiti gli investimenti per la ricerca e l’inventiva, il monopolio di fabbricazione e di vendita in quanto monopolio è illegale, mentre legale è dare a tutti la facoltà di produrre quanto brevettato, riconoscendo all’inventore il diritto ad una royalty.

Questa argomentazione, nata inizialmente con l’idea di non escludere dall’acquisto di beni parte dei consumatori, verosimilmente i più poveri, riteniamo che sarebbe anche lo strumento per facilitare l’accesso alla produzione da parte delle aziende che, non potendo investire capitali sempre più ingenti nella ricerca, vengono escluse un po’ alla volta dal mercato.

Una nuova legislazione in questo senso consentirebbe infatti alle aziende, anche le più piccole, di non essere emarginate dal processo produttivo e occupazionale.

Fra l’altro il tema sui brevetti è di particolare attualità essendo nell’agenda della WTO a Cancun il prossimo settembre 2003.

Il Bando di Concorso si trova sul sito www.worldwewant.org , dove vengono anche raccolte le firme di condivisione alla critica sui brevetti.

Mi permetto di inviarLe questa mia pensando che quanto sopra possa interessare anche il mondo aziendale.

Con i più distinti saluti

Paolo Roberto Imperiali

Presidente del Circolo Culturale Palazzo Cattaneo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *