Jabber

Come molti di voi sapranno, qualche tempo fa è uscita la notizia che AOL ha rilasciato un programma di instant messaging capace di dialogare anche con ICQ, e che grazie ad un accordo con la Microsoft i prossimi MSN messenger potranno colloquiare anche con AOL/ICQ.
Queste notizie, che in molti hanno giudicato il primo passo per un protocollo comune, sono in realtà il tentativo di creare qualcosa che in rete c’è già da tempo.
Jabber, questo il nome del protocollo di IM universale, è lo strumento che permette di parlare con tutti i sistemi di messaggistica esistenti (ICQ, AOL, MSN, etc) ed altro ancora (IRC, ad esempio).
Il protocollo si basa sull’uso di XML ed è totalmente aperto.

Esistono quindi numerosi client che si appoggiano allo stesso protocollo, tra i quali i più famosi sono PSI, Gabber ed Imcom.
PSI, che è disponibile sia per Windows che per Linux, è software libero ed usa le librerie QT. Inoltre oggi è stata rilasciata una nuova versione, che migliora notevolmente un prodotto già ottimo. Non contiene pubblicità, non spedisce i vostri dati a nessuna multinazionale, vi permette di parlare con gli amici di ICQ e MSN, e non inquina.

Mi chiedo, quindi, se la mossa di AOL avrà successo, e la gente continuerà ad usare il suo client al posto di Jabber, il cui futuro appare molto più roseo.

Per chi volesse contattarmi, il mio Jabber ID (JID) è zoddo@jabber.org

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *