UE. Niente eco-informazioni su auto, Italia condannata

Da Econews:

L’Italia non avvisa i compratori di auto sugli effetti che il loro gesto provoca sull’ambiente e la la Corte di giustizia di Lussemburgo emette sentenza di condanna. Il nostro Paese, infatti, rende noto Legambiente, e’ stato dichiarato inadempiente rispetto alla direttiva del Parlamento e del Consiglio europei del 13 dicembre 1999 (1999/94/CE) che prescrive che ”tutti i Governi UE si attrezzino affinche’ ai compratori di auto nuove siano fornite tutte le informazioni che riguardano i danni ambientali delle auto, le emissioni di CO2 e le norme comportamentali per ridurre il consumo di carburante”. Un po’ come per le sigarette, afferma Legambiente, il consumatore dovrebbe essere messo nelle condizioni di sapere quali sono gli effetti del suo atto. ”Non e’ certo un buon viatico – dichiara Roberto Della Seta, portavoce di Legambiente – per chi si appresta a fare da padrone di casa alla decisiva conferenza Onu su Kyoto, in programma a Milano dall’1 al 12 dicembre. Le politiche messe in campo dall’italia sono da sempre nettamente a favore della mobilita’ su gomma. Basti ensare – continua Della Seta – ai fondi destinati agli autotrasportatori o gli incentivi a pioggia per acquistare auto senza alcuna distinzione tra modelli ecologici e non”. ”E pensare che all’inizio del semestre di presidenza Italiana del Consiglio Europea c’era chi parlava addirittura di semestre verde, che avrebbe dovuto culminare con la conferenza ONU di Milano. Purtroppo pero’ – conclude il portavoce di Legambiente – nelle parole e negli atti del Presidente di turno del Consiglio europeo non c’e’ neanche l’ombra di preoccupazioni ambientali”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *