Internet: Monaco sceglie Linux schiaffo per Bill Gates

Dal sito de La Stampa un articolo molto interessante:

17 giugno 2004

FRANCOFORTE. Monaco di Baviera sbatte la porta in faccia a Bill Gates e rischia di scatenare un «effetto domino» che potrebbe scalfire il monopolio di Microsoft nel settore del software.

La capitale bavarese non ha rinnovato infatti al gruppo guidato da Bill Gates il contratto per i 14.000 personal computer dell’amministrazione comunale, decidendo di adottare, invece, il software Linux. Il consiglio comunale, riunitosi ieri a porte chiuse, ha votato con 50 voti a favore (e 29 contrari) la proposta di cambiare sistema operativo al cuore informatico della capitale bavarese, considerata peraltro il centro hi-tech per eccellenza dell’intera Germania. A pochi giorni dalla mancata acquisizione della tedesca Sap, dunque, Microsoft subisce un altro smacco nella più grande economia europea.

L’operazione è stata vagliata per oltre un anno, ha spiegato oggi il vicesindaco di Monaco, la socialdemocratica Christine Strobl, sottolineando che «Ibm e Novell hanno collaborato attivamente, supportandoci nello sviluppo di un progetto dettagliato». Adesso, ha proseguito Strobl, verrà bandita una gara a cui potranno partecipare tutti i fornitori di tecnologia Linux, uno standard cosiddetto «aperto» e di più semplice utilizzo, disponibile gratuitamente su Internet, che non
presenta problemi di compatibilità e, soprattutto, non obbliga chi lo adotta a dotarsi anche degli altri software e dei programmi prodotti da Microsoft.

La decisione della città di Monaco rappresenta il più grande «transito» a Linux della storia, ha commentato Brendan Barnicle, analista di Pacific Crest Securities, e un precedente molto importante per lo sviluppo della competizione nel settore dei personal computer tra Microsoft e Linux. Non a caso, nel commentare la notizia, Strobl ha stigmatizzato che «la nostra decisione può rappresentare un segnale per le altre amministrazioni comunali. E la reazione avuta da Microsoft lo dimostra».

Il gruppo statunitense, infatti, pur di non perdere l’importante commessa, aveva presentato un’offerta molto vantaggiosa, addirittura inferiore al prezzo degli anni scorsi, per difendere la posizione su un mercato, quello del software per i personal computer, in cui detiene una quota del 95%. Le vendite di Windows, inoltre, risultano cruciali per Microsoft poichè concorrono per circa un terzo (il 32%) al fatturato complessivo della società controllata da Gates.

Non sorprende quindi che l’amministratore delegato del colosso americano, Steve Ballmer, pochi mesi fa si sia preso la briga di andare appositamente a Monaco per cercare di convincere l’amministrazione comunale, con un’offerta molto vantaggiosa, a non passare a Linux.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *