Consiglio Comunale 14/3/2005 e Scuole Materne

Il Consiglio Comunale di Oggi è stato incentrato quasi esclusivamente sulla questione delle scuole materne. Il tema è stato messo all’ordine del giorno grazie all’iniziativa dei gruppi DS, Verdi, PRC, Romagna Riformista Popolare e Margherita (per la maggioranza, quindi, mancava solo il PRI).
Presente durante la seduta anche il Comitato Cittadino che in questi giorni ha rilasciato pesanti dichiarazioni sulla stampa, dimostrando purtroppo di non aver ben compreso la dinamica del problema.
Premetto un punto molto importante: la maggioranza è compatta nel considerare questo un problema reale e di prioritaria importanza, come del resto dimostrato dalla qualità e dalla copertura totale del servizio negli ultimi trent’anni.

Questi i fatti: le iscrizioni sono terminate il 25 Gennaio, ed il 28 Febbraio l’Amministrazione ha inviato la richiesta al Ministero dell’Istruzione degli insegnanti necessari all’apertura di 4 sezioni nuove, per soddisfare l’aumento della domanda. Allo stesso tempo l’Amministrazione ha individuato le risorse necessarie per le strutture, quindi l’unica attuale mancanza è relativa al personale. Il Comune, in sostanza, ha fatto tutto quello che è di sua competenza.
L’assunzione dei nuovi insegnanti è invece di competenza del Ministero, e la procedura standard prevede che venga fatta questa richiesta non prima del termine delle iscrizioni (pena l’annullamento).
Il Comitato, nato da una quindicina di giorni, è stato purtroppo appoggiato e strumentalizzato dal gruppo di Alleanza Nazionale, che ha rilasciato sulla stampa ed in assemblee private delle dichiarazioni false per fomentare la protesta. La vicinanza con le elezioni regionali ha fatto il resto, portando inizialmente il dibattito ad un livello estremamente basso.
Per fortuna, dopo qualche intervento, il dibattito si è trasferito sui binari giusti, e si è discusso nel merito della proposta dell’Amministrazione, che prevede una soluzione completa al problema attraverso strutture pubbliche.
Nel mio intervento, oltre al sostegno dell’ordine del giorno presentato ed ad una spiegazione dello stato delle cose, ho chiesto ai cittadini di lavorare insieme all’amministrazione per sostenere la richiesta della copertura posti necessari per aprire le nuove sezioni, come è stato fatto già a Bologna ed a Modena con successo l’anno precedente.

L’opposizione chiedeva di limitare l’apertura di nuove sezioni statali al numero di 2, per integrare il resto con una sezione privata (da parte della scuola autonoma di S. Maria del Fiore) ed una comunale.
L’ordine del giorno della maggioranza è stato quindi posto ai voti, senza modifiche, ed è passato con la sola astensione del PRI (sempre per quanto riguarda la maggioranza).

Da ricordare, inoltre, che una buona parte del comitato cittadino ha capito di essere stata presa in giro da chi voleva strumentalizzare il loro problema per fini propagandistici in vista delle elezioni, ed ha manifestato interesse nei confronti della soluzione proposta dalla Giunta.

La Giunta ed il Sindaco, inoltre si sono impegnati nella risoluzione del problema e nel dialogo aperto con i cittadini, attraverso un tavolo di lavoro ed una assemblea pubblica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *