Liberiamo la musica

Il 16 dicembre Liber Liber, che da 11 anni distribuisce gratuitamente capolavori della letteratura, inizierà a liberare anche la musica.

Utilizzando incisioni precedenti il 1954 (e perciò fuori diritti), inizierà a distribuire gratuitamente l’immenso patrimonio di musica classica, jazz, popolare libera da copyright.

Naturalmente gli ostacoli saranno numerosi; sia per la quantità di lavoro che dovranno affrontare, sia perché il tema del copyright in ambito musicale è più controverso che mai.

Per questo motivo il 16 dicembre sarà un giorno in cui non solo verrà presentato il progetto, ma nel quale verrà chiesto l’aiuto di chiunque ami la musica.

Ricevo ed inoltro molto volentieri:

Dateci una mano! Ci serve un po’ di volantinaggio all’università, un collezionista di dischi in vinile con incisioni precedenti il 1954 (l’ideale sarebbe avere già qualcosa di digitalizzato per il 16; non è indispensabile, ma certo sarebbe tutto più efficace se riusciamo a far vedere qualche esempio), oltre che aiuto con l’ufficio stampa.

Se avete 1-2 ore libere, chiamateci allo 06/59.14.940 o scriveteci.

Ecco intanto le coordinate del convegno:

Venerdì 16 dicembre 2005, ore 09:30
Auditorium della Discoteca di Stato e Museo dell’Audiovisivo
via Michelangelo Caetani, 32
00186 Roma

Programma del convegno (v1.0)

* ore 09:30: Apertura dei lavori e registrazione degli iscritti

* ore 09:45: Saluti di benvenuto ed intervento di Massimo
Pistacchi – Presidente della Discoteca di Stato e Museo
dell’Audiovisivo

* ore 10:00: Tavola rotonda “Liberiamo la musica” – realizzare
un’audioteca digitale

* ore 12:45: Dibattito aperto al pubblico

Modera: Ernesto Assante, giornalista de “La Repubblica”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.