Mamma… Dicono che sono malato

FORLI’ (MERCOLEDI’ 26 GENNAIO)

Ore 19.00 – Machamba Café, C.so della Repubblica, 125 Buffet Vegan
Ore 21.00 – Circolo Valverde Via Valverde, 15

Conferenza pubblica su:

* Psichiatria, bambini e controllo sociale
* L’ADHD e la scuola
* L'(ab)uso di psicofarmaci nella medicina ufficiale

Interverranno:
* Dott. Roberto Cestari (Medico e presidente del Comitato dei Cittadini per i Diritti Umani)
* Dott.sa Maria Rosaria D’Oronzo (Psicologa che da anni si occupa di questioni psichiatriche con particolare impegno a favore dei diritti dell’uomo)
* Alessandro Scanu (Operatore Sociale da anni impegnato nel Collettivo AntiPsichiatrico di Cagliari)

Scarica la locandina

Una risposta a “Mamma… Dicono che sono malato”

  1. Quando facevo parte del telefono viola di Bologna, nel 2007 entrammo in un convegno dell’ Agap (con il permesso dell’organizzatrice, ora sotto i riflettori della stampa), ma quando cominciammo a distribuire volantini che informavano sui devastanti effetti collaterali di questo medicinale, venimmo cacciati fuori a spintonate, il tutto perchè il nostro pensiero differiva dal loro.
    Non ci hanno ascoltato, così come non ascoltano i loro figli perchè hanno un pensiero che differisce dal loro.
    Per citare una frase di Maria Rosaria d’Oronzo “questa è la risposta che gli adulti sanno dare ai propri figli”.

    Non c’è medicinale al mondo che possa sopperire alla mancanza di attenzione che i bambini richiedono dai propri genitori; non chiedono una pillola, solo amore, il problema che è questa è una merce veramente rara, e non si compra in farmacia.
    Se il bambino è “disattento” stiamo sicuri che è colpa di molteplici fattori esterni, non di certo sua o di una fantomatica “sindrome ADHD”, completamente priva di ogni riscontro scientifico e logico.

    Non ci sono soluzioni farmacologiche o chimiche, ma dialogo, ascolto e molta molta attenzione (da parte dei genitori intendo….).
    C.B.
    altre informazioni sul sito http://www.nopsichiatria.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *