Scarichiamoli! atto secondo

La Comunità Creative Commons Italiana ha diramato una nota su riguardante l’interessante iniziativa Scarichiamoli!.

Tra le richieste, la garanzia del rispetto dei criteri di accessibilità, l’utilizzo di software libero, di licenze libere o open content per la condivisioned dei contenuti.

È su queste basi che una modifica come quella dell’articolo 11 della legge sul diritto d’autore potrà avere un senso: perché le opere finanziate (a fondo perduto) con soldi pubblici non soltanto devono essere persistentemente non soggette ad alcuni diritti esclusivi (diritti patrimoniali d’autore e diritti connessi ), ma devono essere anche pubblicamente accessibili e liberamente fruibili.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *