Sesto Potere: Inceneritore, Clan-Destino si mobilita per la catena umana

Riprendo la notizia pubblicata ieri da Sesto-Potere:

(25/8/2005 19:03) | INCENERITORE, CLAN-DESTINO SI MOBILITA PER LA ‘CATENA UMANA’ DI SABATO
(Sesto Potere) – Forlì – 25 agosto 2005 – Gli attivisti dell’Associazione Clan-Destino rinnovano oggi a cittadini e mass media l’invito a partecipare alla manifestazione – una catena umana di protesta organizzata per sabato 27 agosto 2005 alle ore 10:00 – sottolineando le motivazioni che sarebbero alla base della loro iniziativa: “Gli inceneritori emettono in atmosfera metalli pesanti (in particolare mercurio) e composti che persistono nell’ambiente (tra cui diossine e furani) estremamente cancerogeni e mutageni, in grado di accumularsi lungo la catena alimentare, fino al latte materno. Le polveri sottili emesse (PM10, PM2,5 e PM0,1) sono molto più dannose di quelle prodotte da qualsiasi altra combustione.
L’incenerimento trasforma rifiuti relativamente
innocui in rifiuti tossici e pericolosi”.

E viene indicata anche l’alternativa: “Fra tutti i sistemi di gestione dei rifiuti urbani l’incenerimento è quello che, a parità di materiali trattati, ha i costi più elevati e produce il maggiore impatto ambientale. Riduzione, riuso e riciclo dei rifiuti sono l’alternativa agli inceneritori.
Effettuando una raccolta differenziata spinta col metodo “porta a porta” si ottiene in poco tempo una drastica riduzione dei rifiuti che renderebbe inutile l’ampliamento degli inceneritori. Esistono già numerose esperienze che dimostrano come ciò sia possibile senza incrementare le tariffe per gli utenti”.

L’Associazione Clan-Destino accusa le amministrazioni di non aver dar seguito alle indicazioni ed alle richieste in tema di gestione rifiuti che i cittadini avevano profuso nel processo decisionale di Agenda 21.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *