Sui problemi degli hosting (Aruba, tophost & C.)

Spesso mi chiedo quanto valga il nostro tempo.

Questo, credo, sta alla base di ogni scelta, al giorno d’oggi.

Tutto quello che acquistiamo ci permette di fare qualcosa di più di prima o risparmiare tempo per fare quello che facevamo già.

Facciamo un esempio concreto: Quanto tempo perdiamo dietro a problemi per l’hosting delle nostre pagine web? Se la risposta è maggiore di una giornata, teniamola in considerazione quando cerchiamo un servizio che ci ospiti.

Spendere 10€ e risparmiarne poche decine all’anno, per poi perderci dietro settimane per i disservizi, ha un costo che sarebbe molto facile da calcolare, anche se non lo facciamo mai.

Siate furbi, pensate sempre ai costi/benefici ed alle ore che potete dedicare ad altro.

3 risposte a “Sui problemi degli hosting (Aruba, tophost & C.)”

  1. Il discorso dell’indicizzazione asp non sarebbe un problema, potresti farti un .htaccess che semplicemente ridireziona verso le pagine nuove.

    75 shell/ftp users significa che puoi creare 75 utenti diversi per la shell e/o per l’ftp. Di solito gli hosting ne offrono uno solo, per capirci, mentre con il pannello puoi gestire permessi diversi a seconda degli utenti che lavorano sui tuoi domini.

    Una cosa molto interessante è la possibilità di condividere nello stesso hosting infiniti domini, in modo tale da minimizzare la spesa se lo spazio disponibile è più che abbondante.

    Se hai tutto un portale in asp e loro non lo gestiscono (hai controllato?) la vedo dura, convertire il tutto potrebbe essere molto problematico. Dipende da quante cose hai e se puoi fare una conversione automatica. Se gestisci tramite un database MySQL puoi importare i contenuti in una nuova struttura.

    Solo tu, però, sai se ne vale la pena.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *