Acquisti intelligenti

Voglio fare una riflessione pre-Natalizia sulla corsa all’acquisto, classica di periodi come questo, ma che certamente si può generalizzare.

Una volta quando si acquistava qualcosa, indipendentemente dal fatto che fosse un elettrodomestico o una cassa di mele, si aveva un contatto diretto con una persona che aveva trascorso una vita nella vendita di quel prodotto. Anche chi vendeva un frigorifero era lo stesso negoziante che ci aveva venduto il precedente. Se da un acquisto di un prodotto al suo sostituto trascorreva troppo poco tempo, si cambiava negozio o si aveva qualcuno obbligato ad ascoltare le nostre lamentele, che modificavano il magazzino del negozio.

Soprattutto per quanto riguarda gli elettrodomestici ed i prodotti tecnologici, oggi siamo arrivati all’usa e getta di oggetti anche molto costosi sia per le nostre tasche sia per il futuro smaltimento dopo il disuso.

Chi ci vende le cose è uno dei tanti dipendenti di un grande magazzino, e difficilmente ricorderemo la sua faccia per lamentarci di un malfunzionamento. Anche l’assistenza non viene più effettuata tramite il negozio come interfaccia, e le responsabilità vengono rimbalzate dal venditore al distributore, e da questo al produttore.

La gara dei prezzi fa in modo che la tendenza generale si sposti dall’acquisto sensato a quello sfrenato. Un televisore una volta durava 10 anni, oggi con tutti i passi avanti che ha fatto la tecnologia non si superano i 3-4.

Si valuta, spesso e per necessità, il costo di acquisizione di un prodotto, ma non si fanno i conti con quello d’esercizio, con diverse conseguenze: i prodotti con consumi minori solitamente hanno costi iniziali leggermente più alti, e per questo vengono scartati nonostante il bilancio a medio termine sia a loro favore. La stessa cosa accade per la robustezza e l’affidabilità: quello che dura costa di più ma vive più del necessario per ripagarsi questa spesa. Come ultimo svantaggio, la forsennata sostituzione degli oggetti funzionanti che abbiamo, a causa della continua e forzata obsolescenza del mercato, non ci permette di approfondire l’acquisto che stiamo per fare, e spesso la mancanza di tempo dedicato alla valutazione dei prodotti si traduce in una prematura necessità di sostituzione.

Oggi, però, abbiamo qualche strumento in più. Ad esempio è possibile scambiarsi pareri gratuitamente su internet: esistono diversi strumenti, a partire dai siti che confrontano prezzi e recensioni ai newsgroup di appassionati. Non è un caso che gli strumenti per lo scambio di recensioni, feedback, consigli per gli acquisti siano tra i più utilizzati da chi cerca informazioni per gli acquisti su internet. Oggi la rete è una fonte di informazione preziosa anche per questo, uno strumento capace di fornire confronti e consigli capaci di spostare fette importanti di mercato.

Per il mio compleanno, in Aprile, ho acquistato una fotocamera digitale nuova. Anche per passione ho cercato recensioni su internet, per evitare brutte sorprese. La marca non è una garanzia ed a parità di costi esiste sempre una varietà di scelta con risultati anche molto diversi.
Sono stato contento di aver dedicato un po’ di tempo alla scelta, perché stavo per acquistare un modello più costoso che non aveva nulla di più di quella che ho preso. La ricerca mi ha permesso inoltre di capire qualcosa di più sul funzionamento e cercare quello che si adattava di più alle mie esigenze, in mezzo ad una offerta anche troppo vasta di prodotti scadenti.

Un altro esempio è quello delle stampanti per computer. Esistono dei modelli che costano pochissimo, ma che funzionano solo con ricariche costosissime. Quasi sempre il mantenimento di un bene è più oneroso del suo acquisto iniziale, ma più difficile da calcolare (come ad esempio il consumo energetico).

Tutto questo per dire che è sempre meglio dedicare un po’ di tempo per pensare a quello che stiamo per acquistare:
– ci serve veramente?
– esiste qualcosa di meglio, allo stesso prezzo?
– posso risparmiare nel tempo, pagando poco di più ora?
– posso trovare usato quello che cerco?
– Durerà nel tempo? Sarà possibile ripararlo senza doverlo sostituire in blocco?
– chi ha acquistato lo stesso prodotto, è stato contento o avrebbe cambiato la sua scelta?

Queste informazioni si trovano su internet, ma possono esserci anche fornite da un onesto e bravo negoziante che abbia un minimo di tempo da dedicarci.
Il consiglio e l’assistenza di una persona esperta possono anche pesare sul prezzo, ma a conti fatti questa consulenza serve per evitare di buttare dopo pochi mesi quello che abbiamo appena acquistato.

Solo con un acquisto più attento si possono ridurre i consumi energetici, le sostituzioni inutili, ottenendo prodotti migliori risparmiando denaro.

Abbiamo gli strumenti per informarci, sfruttiamoli per migliorare il mercato.

2 risposte a “Acquisti intelligenti”

  1. servirebbe una macchina del tempo per viaggiare all’indietro.

    Più facile non acquistare nulla per Natale e per quanto riguarda le fotocamere consiglio ai più vecchi di chiedere consiglio ai figli.
    ;-)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *