Dura protesta della Lipu contro Damiano Zoffoli sulla caccia.

DURISSIMA PROTESTA DELLA LIPU PROVINCIALE DI FORLI CESENA, CONTRO DAMIANO ZOFFOLI PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE REGIONALE CHE HA VARATO 2 PROVVEDIMENTI NORMATIVI DISASTROSI SULLA CACCIA

La Commissione Politiche economiche della Regione Emilia Romagna presieduta dal mio concittadino Dr. Damiano Zoffoli, ha licenziato nella giornata di mercoledì 28, due provvedimenti di Legge sulla caccia. per entrambi non abbiamo parole! I Passeri e le Passere Mattugie che con il suo voto saranno uccisi dal 1° settembre nelle sole Provincie di Forlì Cesena e Ravenna in nome di una agricoltura da salvaguardare, ci portano a chiedere subito chi salverà l’agricoltura dalle costruzioni edilizie dirompenti (vedi Cesenatico) che non guardano certo con attenzione la cultura contadina. Da anni registriamo e forniamo notizie all’INFS sul calo pauroso di Passeri e Passere Mattugie. Basta controllare il nostro registro degli inanellamenti per verificarne la consistenza ormai ai limiti. Basta con le mattanze ai Passeri vicino le case, questa è la vera verità- E se serve la dimostrazione, basti vedere la recente apposizione di tabelle “area di rispetto” richieste dalla gente di Cesenatico, e poste dall’ATC FO” in area Cannucceto e Valloni, a riprova che la gente sensibile non ne può veramente più di questi ammazzamenti e di avere doppiette in giardino. Negli anni scorsi nel parco del PEEP e della Chiesa parrocchiale, ebbi a collocare diverse cassette nido per le Tortorine che oggi vi nidificano normalmente, e così ovunque nella Città di Cesenatico ed in altre località. Ebbene la caccia è libera anche per questi soggetti. La Moretta, uno splendido anatide abbastanza inconsueto nostre località entra a far parte delle specie cacciabili dal 1° novembre al 31 gennaio. Tanto ce ne sono poche, così se si ammazzano definitivamente smetteremo di vederle. Così mentre a fatica le Associazioni ambientaliste e Verdi lavorano e creano strutture come OasicostieraLIPU o altre Oasi, o fanno educazione ambientale, per conservare quel poco possibile, con un colpo di spugna ed una doppietta si vanifica tutta una strategia e tanto lavoro e non si tengono in considerazione i pareri dell’INFS. Perché poi un provvedimento a calendario di tre anni, non lo si comprende proprio. Le cacce in deroga sono un abuso contro il vivere civile e le norme comunitarie. E’ vergognoso e lo ribadiamo parlare di danni all’agricoltura determinati da Passeriformi o dalle Tortore, oltretutto nelle due province costiere della Regione a maggiore incidenza politica venatoria. Mai nella Commissione Consultiva Venatoria della Provincia di FC della quale facciamo parte, è venuto fuori un simile assunto. Se i motivi a questo punto sono comprensibili, appare fosca la figura del legislatore che non coglie ne i pareri scientifici ne la volontà dell’altra parte della popolazione che ama la vita ed il benessere animale. Ancora una volta ha prevalso la logica politica del consenso e delle lobby, non quella della ragione motivata. Per il resto ci sarà ancora tanto da dire. Siamo solo all’inizio e riteniamo giusto che proprio per la valenza anche locale del provvedimento, la gente della Provincia ed il Consiglio Comunale di Cesenatico ne abbiano conto.

Sandro Brina

Delegato Provinciale LIPU FC

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *