Sabato 6 Maggio biciclettata regionale contro inceneritori e turbogas

Pubblico qui il
COMUNICATO CONGIUNTO ASSOCIAZIONI E COMITATI EMILIANO ROMAGNOLI:
SABATO 6 MAGGIO BICICLETTATA REGIONALE CONTRO INCENERITORI E TURBOGAS

Sabato 6 Maggio 2006 gli Amici di Beppe Grillo di Bologna organizzano la critical mass “Riprendiamoci l’aria”.

Per l’occasione noi associazioni e comitati emiliano-romagnoli giungeremo da tutta la regione per dire no a inceneritori e centrali turbogas; chiedere una mobilità sostenibile, una gestione razionale dei rifiuti e la promozione di fonti energetiche realmente rinnovabili.

Interverrà il dott. Stefano Montanari, Direttore Scientifico del laboratorio Nanodiagnostics di Modena (www.nanodiagnostics.it) esperto di nanopolveri, particolato che non è trattenuto dai filtri, ma penetra nei polmoni, nel sangue e negli altri organi del nostro corpo, provocando diverse patologie. Le nanoparticelle si producono in abbondanza durante i processi di combustione ad alta temperatura: motori a scoppio e dunque traffico, fonderie, inceneritori.

L’Emilia Romagna è tra le regioni che producono più rifiuti e con il maggior numero di inceneritori (9 impianti).
È parere delle ex municipalizzate ora S.p.A. gestrici del servizio, quali Hera ed Enìa, che l’alta produzione di rifiuti richieda il ricorso all’incenerimento. Gli amministratori provinciali hanno per lo più sposato acriticamente tale tesi. Ma quella dell’incenerimento è una scelta irrazionale:
–          Gli inceneritori non distruggono i rifiuti, li trasformano soltanto in prodotti altamente tossici: fumi, polveri, acque di scarto e ceneri che vanno smaltite in discariche speciali. Durante la combustione dei rifiuti si formano anche nuove sostanze organiche, inquinanti persistenti e cancerogeni, come diossine e furani. Anche questi non sono filtrabili, neanche dai più sofisticati sistemi di abbattimento: si accumulano nel terreno e nei vegetali che vi crescono e raggiungono le concentrazioni più elevate negli organismi ai vertici della catena alimentare (l’uomo!).
–          Gli inceneritori mandano in fumo un settore importante dell’economia regionale, mettendo a repentaglio i prodotti dell’agricoltura e dell’allevamento, prime fra tutte le nostre produzioni di qualità.
–          Gli inceneritori bruciano principalmente la carta, la plastica, il legno, ecc., cioè prevalentemente i materiali che potrebbero essere recuperati. Poiché, una volta avviati, hanno bisogno di bruciare a ritmo costante, disincentivano la raccolta differenziata finalizzata al riciclaggio di questi materiali.
–          L’alternativa all’incenerimento e all’attuale modello di produzione e consumo è possibile: riduzione della produzione di rifiuti all’origine, riutilizzo dei prodotti, raccolta differenziata “spinta” al 70-80%, riciclaggio dei materiali raccolti in maniera differenziata. È quanto stanno concretamente realizzando città e regioni in Canada, Stati Uniti, Australia e Nuova Zelanda (vedi www.no-burn.org) ed alcune realtà italiane. Risultati importanti si sono avuti ad esempio  nel Consorzio itercomunale Priula (TV), grazie alla raccolta domiciliare (il “porta a porta”) con sistema di tariffa puntuale (www.consorziopriula.it/dynamic_downloads/86_Presentazione_27_06_2005.PDF).
–          Neppure i moderni inceneritori (i cosiddetti termovalorizzatori) producono energia, ma la consumano: per la produzione dei materiali, la selezione, l’essiccazione, la pressatura ed il trasporto dei rifiuti si consuma complessivamente più energia di quella ottenuta dalla loro combustione. Finanziariamente gli inceneritori rappresentano un affare – per le società che gestiscono il servizio, non per noi cittadini! – soltanto perché godono di contributi statali: grazie all’assurda normativa italiana che permette di assimilare ad energia rinnovabile quella prodotta bruciando ogni tipologia di rifiuto, siamo noi cittadini a finanziarli con la nostra bolletta della luce (voce “costruzione impianti fonti rinnovabili”)!

Durante la manifestazione saranno raccolte firme per la petizione popolare contro i sussidi statali all’incenerimento dei rifiuti, lanciata da Greenpeace e dalla Rete Nazionale Rifiuti Zero lo scorso settembre

RITROVO ORE 15 IN PIAZZA MAGGIORE A BOLOGNA, ANCHE SENZA BICI.
Partenza ore 15,30
Via Dell’ Indipendenza
Via Irnerio
V.Le Berti Pichat (Sosta Sotto Hera)
P.Ta Mascarella
Via Mascarella
Via Irnerio
Via Dei Mille
Via Marconi
Via Ugo Bassi
P.Zza Maggiore

Per adesioni e informazioni sul programma della manifestazione:
http://beppegrillo.meetup.com/14/boards/ , 329/6523574.

SCIOPERO E TRENI GARANTITI.
Da trenitalia:
lo sciopero dei treni è confermato dalle 21 del 5 alle 21 del 6.
Risultano garantiti i seguenti Treni Regionali e Interregionali:
FE-BO
6.47 – 7.37 con servizio bici
7.34 – 8.07 con servizio bici
7.55 – 8.46 senza servizio bici
BO-FE:
17.53 – 18.25 con servizio bici
19.53 – 20.25 con servizio bici
20.11 – 21 con servizio bici

RN-BO:
7.27 – 8.55 con servizio bici
8.20 – 10.52 con servizio bici
9.00 – 10.22 con servizio bici
BO-RN:
18.08 – 20.35 con servizio bici
18.40 – 20.05 con servizio bici
18.38 – 21.13 con servizio bici

PR-RE-MO-BO
Nessun treno regionale o interregionale. Numero verde per gli scioperi 800/892021.

CAMIONE E FURGONI
DA MODENA ABBIAMO TROVATO UN CAMION!!!!
Ci staranno 30 o 40 bici, forse di più. Ci troviamo alle 13 al parcheggio di Via San Giovanni Bosco angolo con Via Divisione Aqui (alla Maserati insomma)
vi prego di telefonare per metterci d’accordo: 348/2220552.

DA REGGIO CI SAREBBE PURE UN FURGONE O CAMION:
sentite ROBERTO GALANTINI: 347/7532176.

ADERISCONO (aggiornato al 4 Maggio):
Amici di Beppe Grillo Meet up di Bologna, Faenza, Ferrara, Forlì, Modena, Rimini – Greenpeace Gruppi Locali di Bologna, Ferrara, Modena, Parma, Ravenna, Rimini, Reggio Emilia – Fiab di Bologna, Modena e Forlì – Etica energetica (BO) – Clan-Destino (FC) – WWF Emilia-Romagna – Medicina Democratica Ferrara – Comitato FerrAria Pulita (FE) – Comitato Riccione per l’energia pulita – Comitato Salva Ambiente Alto Reno (BO) – Coordinamento Provinciale Rifiuti Zero Modena – Comitato Modena Salute Ambiente – Legambiente Modena – Comitato intercomunale Salute e Ambiente di Carpi-Novi-Soliera (MO) – Comitato Quale Energia di Finale Emilia (MO) – Coordinamento dei Comitati per la Tutela della Salute e dell’Ambiente (RE) – Ecoistituto dell’Emilia-Romagna (RE) – Lista civica “Ambiente per San Martino” (RE) – Lista civica “Gente di Reggio” (RE) – Comitati Salute e Ambiente di Correggio e San Martino in Rio (RE) – Collettivo Nonviolento Uomo Ambiente di Guastalla (RE) – Muoversi meglio (RE)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *