Sull’intervista di fine anno alla Masini

Nell’intervista di fine anno il Sindaco affronta anche la questione del nuovo inceneritore ribadendo l’attenzione al problema sanitario e al positivo contributo “di cui tenere conto” giunto dagli incontri con i cittadini.
Non condividiamo, invece, la nota circa il fatto che si sia mobilitata “una parte minoritaria” di cittadini.
I fatti dicono l’esatto contrario!
Intanto conta chi partecipa e non chi sta a casa per cui acquisire come dato quello di chi è stato assente per “portarlo” su posizioni favorevoli all’inceneritore è una forzatura che non si addice alla storia e all’esperienza del Sindaco Masini.
Piuttosto è vero che fra chi ha partecipato – e sono state centinaia di cittadini in tutte le circoscrizioni e incontri pubblici sul tema – nessuno (se non 4-5 interventi in tutto) si è schierato a favore del nuovo impianto.
Pertanto se democrazia è partecipazione attiva e se dalla partecipazione attiva arriva un contributo “di cui tener conto” questo non può che essere quello di tanti singoli, umini e donne, associazioni, organizzazioni di categoria, medici, ecc… che – come bene ha visto il Sindaco – non dicono un semplice NO all’inceneritore ma fanno proposte precise per affrontare in maniera strutturale il problema dei rifiuti.

Gruppo Verdi Forlì.