8 risposte a “Uccidete la democrazia”

  1. Anche se voto a sinistra spero che non sia vero altrimenti rafforzo il mio dubbio che L’ITalia è una democrazia di FACCIATA

  2. Si può acquistare anche su internet. Io l’ho prenotato, spero sia arrivato in edicola.

    La questione è importante e vanno fatte indagini approfondite. Intanto la Giunta delle elezioni sembra che abbia deciso di controllare anche le schede bianche, protagoniste del film-documentario.

  3. (Ho appena finito di vedere il dvd: in alcune sequenze l’audio è poco percepibile)

    Democrazia uccisa, resta da uccidere gli uccisori. Senza sangue,però; ma uccisi.

  4. Se ancora oggi, che viviamo in una società tecnologicamente avanzata, si temono brogli elettorali, chissà cosa successe nel referendum istituzionale monarchia-repubblica del 1946.

    E’ impossibile non ricordare i brogli avvenuti nel referendum istituzionale del 1946 e quindi si può dire che già allora la repubblica uccise la democrazia.

    Il vizietto dei brogli della repubblica …

    Leggete l’ultimo post del mio blog

    saluti

  5. Cari compagni,
    ho visto il DVD e credo che alcuni dubbi possano essere risolti con uno stratagemma:
    Se ho capito bene dovrebbe esistere una grossa inconcruenza tra il dato cartaceo ed il dato informatico. E’ molto difficile indaginoso e lungo verificare le schede bianche e nulle, mi chiedo se si lanciasse a tutte le sezioni comunali l’invito di mandare i risultati che hanno rilevato i rappresentanti di lista alla fine degli scrutini nelle varie sezioni e quindi confrontare i dati con i dati ufficiali. E’ molto semplice, veloce e sarebbe un’ottimo dato di confronto.
    Sicuramente ci avete già pensato ed arrivo in ritardo…comunque potrebbe essere un’alternativa.

  6. I rappresentanti di lista non sono distribuiti in tutti i seggi e non rappresentano uniformemente tutti i simboli che erano presenti nelle schede, non credo sia una buona idea.
    Inoltre non capisco come semplificherebbe il compito di ricalcolare le schede.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *