ASPO-Italia: Eolo contro cinquino elettrico

Eolo contro il Cinquino elettricoUgo Bardi scrive un articolo interessante sul confronto tra la macchina ad aria compressa e la cinquecento elettrica. In sostanza dice che la gente ha bisogno di una ipotesi impossibile, non di una alternativa attuale che però comporta piccole limitazioni (le stesse del prototipo che verrà ad aria compressa, tra l’altro).
Da leggere:
ASPO-Italia: Eolo contro cinquino elettrico

L’interpretazione è che la gente non vuole veramente cambiare; cerca una scusa per evitarlo. Si rende conto che viaggiare a emissioni zero è possibile con le macchine elettriche, ma anche che è un piccolo sacrificio: meno autonomia, la seccatura di dover ricaricare, e altre cose. Per cui, c’è chi sogna di una macchina impossibile – la Eolo – e si autoconvince che è colpa del complotto dei malvagi petrolieri se non è in vendita. Se solo ci fosse, allora si, ma nel frattempo, ahimé, dobbiamo continuare con le nostre SUV…..

E’ un po’ l’inverso della storia della volpe e l’uva. La volpe si autoconvince che l’uva che non può raggiungere è acerba. Invece, alcuni si autoconvincono che l’Eolo che non possono comprare è una meraviglia di perfezione. Il giorno in cui le Eolo si trovassero dai concessionari, ho il dubbio che l’entusiasmo generale si raffredderebbe alquanto.

Può darsi che mi sbagli; comunque pare che una versione ibrida della Eolo sarà messa in vendita nel prossimo futuro dalla ditta indiana Tata. Vedremo se avrà successo, ma notate che NON sarà una macchina a emissioni zero. Continuo a chiedermi come mai abbiamo una tecnologia perfettamente funzionante per veicoli a zero emissioni e ci ostiniamo a non utilizzarla.

2 risposte a “ASPO-Italia: Eolo contro cinquino elettrico”

  1. L’articolo che ho linkato parla anche dell’acquisizione che segnali.

    Sinceramente io spero che quell’auto funzioni, ma quello che mi preme dire è che sarebbe una vettura non ad emissioni zero, mentre esistono già alternative possibili che non sfruttiamo, a partire dagli scooter e le auto elettriche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *