Forlì camera a gas

Fausto Pardolesi mi ha inviato un paio di foto che fanno impressione. E’ la città di Forlì vista dall’alto. La striscia nera tra il cielo e le case è la nostra aria.

Clicca sulla foto per vederla ingrandita
p3130023b.JPG p3130024b.JPG

Aggiornamento: Questa è la mappa della concentrazione dei PM10, il rosso intenso corrisponde alla zona fuori dai limiti. Come vedete è esteso praticamente in tutta la città.
mappa_concentrazione_pm10_forli.jpg

10 risposte a “Forlì camera a gas”

  1. in coincidenza della decisione dell’amministrazione di agevolare il trasporto privato anche in centro storico ho avuto modo di rivedere dalle alture poste fra castrocaro e predappio alta, la situazione drammatica che da anni mette a rischio la nopstra salute.
    il giorno stesso ho avuto l’idea di inviare uno scatto al nostro sindaco che non ha dato nessun cenno. non so se guarda le mail.

  2. il fumo che fuoriesce dalla ciminiera dell’inceneritore si vede molto bende dal binario della stazione…magari il sindaco non prende nemmeno il treno

  3. Già da diversi anni noto la “striscia grigia” sopra la nostra città (e non solo).

    Da San Marino in una giornata limpida ammirai un panorama angosciante.

    Stesso panorama ho ammirato da un monte nei pressi di Spinello, quest’estate mentre chiaccheravo con un volontario “antincendio” che teneva d’occhio le vallate.

  4. …non per essere bastian contrario, ma credo poco a queste prove pseudoscientifiche. Podarsi che sia come dite voi, ma siete sicuri che la nebbia o il riscaldamento sopra la città non creino effetti di rifrazione simili o che ne so…
    Mi spaventerei molto di più vedendo i risultati di analisi sull’aria fuori da limiti oggettivi (e so che è così quindi mi spavento).
    Dico solo di non farsi troppo prendere da queste pseudodimostrazioni….

  5. Chiaramente non è una dimostrazione scientifica, per quella bastano le colonnine dell’ARPA.

    Comunque questa “rifrazione” si nota ad occhio più intensa ai bordi dell’autostrada, se ci fai caso…

  6. la nube di inquinamento che opprime la pianura padana è oggetto di ricerca da parte del CNR da diversi anni.
    altro che rifrazione e nebbia e suggestione.
    Per esempio ne ha parlato a Forlì il 20 novembre scorso al salone comunale, durante la settimana della tecnica promosa dall’istituto tecnico per Geometri L.B. Allberti, il Dott. Luca Lombroso noto metereologo televisivo.

  7. Gli abitanti di Forlì hanno eletto i loro rappresentanti liberamente,di conseguenza hanno i governanti e l’inquinamento (non solo chimico) che si meritano.
    Si vede che dei loro figli non gliene importa niente, sono troppo miopi per preoccuparsi delle conseguenze delle loro scelte.

  8. ho deciso di continuare a sollecitare gli organi di informazione con uno stillicidio di mail.
    ieri ho inviato le foto della nuvola nera
    oggi la mappa relativa alle concentrazioni medie di PM10 a Forlì.
    accompagnate da queste righe:

    così si parte con il sabato e con i pomeriggi all’insegna dell’incentivo ad usare il mezzo privato per andare a fare acquisti in centro storico.
    piano della qualità dell’aria? carta straccia.
    emergenza sanitaria dovuta agli inquinanti? dimenticata.
    liberiamo l’aria? neanche per sogno.
    dopo che i limiti di legge sono stati superati per 8 volte negli ultimi 10 giorni superando di ormai il doppio quelli ammessi per legge.
    allego la planimetria che in rosso sempre più intenso evidenzia le medie annue di concentrazione per metro cubo di aria che respiriamo delle polveri sottili misurabili i PM10.
    sappiamo che le polveri ultra sottili non si misurano e sono molto più nocive.
    PS
    che invio a Alessandro perchè le metta assieme alle foto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *