La crisi, l’Euro e la Sterlina

Spesso si sente ancora parlare di quanto male abbia fatto l’introduzione dell’Euro nella nostra economia. C’è chi si lamenta di quanto siano aumentati i prezzi (dimenticando forse che i prezzi non li fa l’€ ma chi vende e chi compra), e chi dice che senza la moneta unica oggi staremmo meglio.

Quello che sta accadendo alla Gran Bretagna, è l’ennesima dimostrazione del valore della nostra moneta, che ha tenuto. Il loro potere d’acquisto in 2 mesi ha perso il 20% e la loro moneta è oggi scambiata alla pari con la nostra.

11 risposte a “La crisi, l’Euro e la Sterlina”

  1. con la introduzione dell’Euro il governo dell’epoca ( berlusconi) avrebbe dovuto controllare e vigilare su come la nuova moneta prendeva il posto di quella precedente, i prezzi che venivano applicati, il cambio che veniva di fatto applicato.
    Berlusconi non lo fece e lasciò ai commercianti e ai produttori di regolarsi come meglio credevano.
    il risultato fu quello che un piatto di trippa che a roma costava 10 mila lire, dalla sera alla mattina costò 12 euro e così via tutto il resto.
    un euro = mille lire fu il ragionamento di molti approfittatori coperti dal governo.
    ma dobbiamo dire che tutti tacquero. non ricordo iniziative di consumatori o sindacati, per non parlare delle forze politiche.
    Per lo meno l’euro ha obbligato l’Italia a comportamenti virtuosi: se non ci fosse stato ora saremmo soli e travolti dalla crisi finanziaria internazionale.
    sauro

  2. ciao
    è vero,un piatto di trippa.. ma non solo….da 10 mila lire è passato a 12 euro.
    e non dimentichiamoci che uno stipendio da 2 milioni,è passato a 1000 euro!
    secondo me tutto è da dividere x 4! i prezzi hanno raddoppiato e lo stipendio è dimezzato! katia

  3. Molte chiacchere e pochi fatti: la classe politica è inadeguata anche nel settore economico ma non dimentichiamo che essa riflette la gente che li ha eletti….riflettete gente….riflettete;

  4. @ frank:
    Non so a chi si riferisce, frank, non ha dato soluzioni nè espresso seriamente la sua posizione.

    @ katia:
    Se la trippa è aumentata da un giorno all’altro è stato non per colpa dell’introduzione della nuova moneta, ma della mancanza di controlli. Se il negoziante ha raddoppiato i prezzi non è certo stato a causa del raddoppio delle materie prime…

  5. @ Alessandro Ronchi:
    La soluzione purtroppo non c’è o meglio ci sarebbe se imparassimo un pò tutti dagli errori commessi in passato per cercare di recuperare il possibile per rimediare alla situazione economica drammatica che stiamo vivendo: è pur vero che qui non muore nessuno di fame, ma se ci vogliamo accontentare così……;

  6. @ Frank:
    La crisi di oggi non dipende dall’Euro, al contrario se oggi non avessimo una moneta unica le speculazioni ed il crollo delle borse avrebbero fatto danni ancora maggiori.

    Come dici tu occorre riflettere sulle scelte che i cittadini hanno fatto in questi anni, e capire se è possibile evitare altre bolle speculative.

    Io, ad esempio, penso che con una edilizia non truccata dai mutui Ninja (No Income, No Job or Assets) avremmo evitato lo scoppio di questa bolla.

    E’ necessario spostare l’economia mondiale verso le tre famose sostenibilità, altrimenti non aspetteremo molto per vedere altre crisi di questo tipo.

    Del resto la Cina, pur continuando la sua crescita, è uno dei Paesi che soffrirà maggiormente, segno che una riflessione sugli obiettivi economici e sociali mondiali prima o poi dovremo affrontarla.

  7. Negli ultimi tre anni ho vissuto negli Usa e in Inghilterra dove ancora oggi mi trovo. Ho fatto il biglietto per tornare in Italia definitivamente… Grazie a Dio… e non solo… la nostra moneta oggi è l’Euro!!! Prima di fare commenti inadeguati sulla nostra situazione in Italia dovreste vivere di persona le situazioni negli altri paesi. Grazie Alessandro per chiarire le idee a chi veramente non le ha chiare!

  8. Beh,
    cari lettori qualcuno ha scritto:”…il governo dell’epoca (berlusconi) avrebbe dovuto controllare e vigilare…”[Sauro]
    e qualcuno altro ha replicato: “…non dimentichiamo che essa riflette la gente che li ha eletti….riflettete gente….riflettete” [Frank],
    …al di la del disastro che la nostra economia ha subito e sta vivendo, grazie ad un errore umano negli Stati Uniti, come citato giustamente da “Alessandro Ronchi”, volevo solo cogliere l’occasione per dire la mia; vivo nel Regno Unito e mai avrei pensato di venirci a vivere se:
    1)Non avessi subito una rapina a mano armata a Napoli, da parte di un Merdoso deliquente risultato appena uscito di galera grazie alla COMPLICITA’ di Prodi, D’alema,Mastella, Bertinotti ecc. ecc. che hanno proposto l’INDULTO!!!
    2)Il “caro” D’Alema, durante il Governo Amato, non avesse approvato i CO.CO.CO. ed i CO.CO.PRO (legge 27 dicembre 1997, n. 449) che hanno favorito il precariato del lavoro!!!
    Non venite a dirmi che ora i primi od i secondi sono stati aboliti!!!
    In Italia, in media, (salvo casi particolarissimi) un giovane senza esperienza lavora a contratto determinato per 3-6-9 mesi, pagato dal governo, per poi essere mandato a “fare in culo” (leggasi “licenziato”) dal datore di lavoro, perchè da quast’ultimo dovrà essere pagato!!!
    In Italia, nessuno può investire, nessuno può pensare ad un futuro!!!
    I cari Britannici, ci ridono in faccia difronte all’IRAP, IRPEF… ed alle innumerevoli alte tasse che il governo di SINISTRA ci ha regalato!!! Sappiatelo!!!
    Amici e colleghi mi chiedono cose assurde come:
    E’ vero che in Italia se fai una rapina, chiedi scusa e ti buttan subito fuori di galera? (Cxxx SI! Indulto),
    E’ vero che se vuoi aprirti uno studio medico/tecnico paghi tasse per 5 anni su quello che “in teoria” dovresti guadagnare? (Caxxx si !!! IRAP)
    E’ vero che un imprenditore come Caruso(due aiende agricole nel Beneventano!!!), figlio di Vincenzo Caruso,ingegnere di Trenitalia che ha progettato la TAV “Benevento-Lecce” si passa per COMUNISTA e contrario alla TAV? (che cxxx gli rispondo????)
    Ma che credete che gli stranieri sono stupidi???
    Siamo diventati RIDICOLI grazie a qielle leggi passate!!!
    Lavoro all’estero e la MIA CARA ITALIA e stata rovinata da certe facce di Cu…che hanno governato! Devo fare il DIPENDENTE all0estero perchè non mi è facile fare il libero professionista A CASA MIA!!!
    Cosa leggo? Commenti contro il Berlusconi, postati da chi di Economia e Politica, non ne capisce un c….!!!
    Scusate la foga ma non posso leggere commenti stupidi postati pensando che siano “parole intelligenti”!!!
    Grazie

  9. Caro Gaetano… tutto vero… condivido pienamente il tuo pensiero e il tuo sfogo… ma come ben sai qui in Inghilterra le cose si stanno mettendo veramente male! Se devo guadagnare lo stesso stipendio ( se non meno!) che potrei avere in Italia, beh, allora me ne torno a casa mia! Preferisco fare sacrifici nel mio paese e per il mio paese. che ne pensi?@ Gaetano:

  10. Te lo dico io cosa ne penso Daniele. Anche io sono in Inghilterra ed è inutile parlare di fare sacrifici per il nostro paese perchè oramai non è più nostro, ma di quei 3-4 (e via via tutti gli altri) che ci mangiano tutto e stanno speculando su tutto.

    E’ già un pezzo che in Italia non esiste più destra e sinistra, ma solo chi sta sopra e chi sta sotto, l’unica differenza è che col passar del tempo sono diventate un pò troppe le persone che stanno sotto e un troppo poche quelle che stanno sopra…

    Per il resto d’accordissimo su tutto con Gaetano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *