Israele usa le bombe al fosforo bianco

Secondo il Times Israele starebbe utilizzando bombe al fosforo bianco a Gaza, anche se vietato dal Trattato di Ginevra del 1980. Una fonte della sicurezza israeliana avrebbe dichiarato che le esplosioni dei proiettili al fosforo bianco verrebbero utilizzare per accecare il nemico ed aprire la strada alle forze armate.

Fonti: Timesonline, il Tempo

Comments

  1. Matteo

    il fosforo bianco non è proibito dalla convenzione sulle armi chimiche in contesto bellico. l’importante è che l’uso sia limitato allo scopo originario, e non per la sua alta tossicità: illuminazione e fumogeno. nel momento in cui viene usato massicciamente contro uomini, con l’intento di causare danni per le sue proprietà tossiche, allora può essere considerato un’arma chimica.

  2. Post
    Author
    Alessandro Ronchi

    E’ discutibile che l’accecamento delle persone sia considerato “fumogeno”. Inoltre noi abbiamo informazioni fornite dalla sicurezza israeliana, nessuno ha verificato la loro veridicità.

  3. Ennio

    Le esplosioni cui stiamo facendo riferimento, che sono state ampiamente filmate nei giorni scorsi, fanno intuire clamorosamente che questo esplosivo è stato utilizzato ben prima della invasione di terra che è partita solo due giorni fa. Inoltre è previsto l’uso del fosforo bianco in ambito militare a patto che i civili siano esclusi. Farli esplodere su Gaza City non credo sia il contesto adatto.

    1. Alessandro Ronchi

      Io ho inserito la motivazione israeliana all’uso del fosforo bianco. L’uso per accecare i nemici non è contemplato e non è proprio identico all’uso per illuminazione e fumogeno.

      Che io sappia non è possibile usare bombe al fosforo bianco sulle truppe avversarie, se hai un riferimento al permesso di utilizzo se non vengono coinvolti civili ti prego di linkarlo qui, in modo che si possa approfondire l’argomento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.