La rete per imparare a suonare

Quando a 17 anni prendevo le mie poche lezioni di chitarra, prima di fermarmi definitivamente per una operazione ad un dito, non esisteva guitar pro e le tablature non si trovavano in rete, non c’erano lezioni e metodi online su youtube e le canzoni me le trascriveva il maestro, a suon di quattrini (che allora erano lire). Non c’erano programmi come garage band e se volevo sentire come suonavo registravo una cassetta e tornavo al punto interessante più o meno ad intuito.

Oggi la vita di chi vuole imparare a suonare è decisamente più facile.

6 risposte a “La rete per imparare a suonare”

  1. Io avevo iniziato (20 anni fa) un corso di chitarra classica, poi terminato e non più ripreso gli obblighi di leva. Però mi ricordo che le mie performance decadevano proporzionalmente al numero di persone che mi stavano ad ascoltare…. internet difficilmente avrebbe risolto i miei problemi.

    Ciao!

  2. Non parlo dell’uso di internet per registrarsi e pavoneggiarsi su youtube (ci sono un sacco di ragazzini che non sanno suonare ma che evidentemente si divertono molto a mostrarsi).

    Invece di vedere un maestro 1 volta a settimana ora i ragazzi possono usufruire di un mare di materiale utile.

    Forse una parte è dovuta all’enorme diffusione di guitar hero, che ha rinnovato la passione di molti ragazzi per l’hard rock e la chitarra elettrica.

      1. La vendetti con annuncio sul FO ad una ragazza che diventò (e lo è ancora) una carissima amica, questo tuo post mi fa affiorare un sacco di bei ricordi….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *