Le emergenze rifiuti non sono tutte uguali

Ricordo ancora il tam tam mediatico esploso giustamente durante l’emergenza rifiuti di Napoli. Quella di Palermo, iniziata pochi mesi dopo, è pressoché sconosciuta al grande pubblico.

La differenza? Allora si doveva far cadere un Governo, oggi bisogna cercare di nasconderne i problemi.

Purtroppo ci siamo talmente abituati a questa manipolazione televisiva delle informazioni che non ce ne lamentiamo nemmeno più. Il piano di rinascita democratica era mano di esperti, evidentemente.

3 risposte a “Le emergenze rifiuti non sono tutte uguali”

  1. La verità sta uscendo sulle menzogne dello PSICONANO.L’unica speranza che hanno i siciliani,di risolvere i problemi dei rifiuti è che il su detto non se ne occupi,altrimenti faranno la fine dei napoletani con la MUNNEZZA ETERNA.

  2. …..peccato che le menzogne sono trasversali ai partiti.
    Se lo psciconano lo usi come prezzemoli per ogni processo ci credo che poi la gente crede che sia perseguita…..complimenti ai giudici che difendetee sempre!!!
    Cmq l’mergenza rifuta ha una causa locale…..COME SEMPRE LO STATO NON C’E?!
    Ed a livello nazionale non si fa educazione corretta .
    Senza dimenticare che spesso fra chi deve raccogliere i rifiuti ci finisce parenti di poltiici CHE NON LAVORANO…..ma rubano solo lo stipendio.

    1. Il problema dei rifiuti non è solo un problema di educazione, è un problema di gestione.

      Se il cittadino che si comporta in maniera corretta impiega più tempo di quello che non lo fa, perché i cassonetti della raccolta differenziata sono a 500 metri quando va bene, allora lo si disincentiva.

      Con la raccolta porta a porta chi non separa è penalizzato (in termini di tempo e di tariffa) da chi la fa.
      In questo modo l’educazione si cambia in un paio di mesi.

      Lascio stare i suoi commenti sui politici. Forse non si è accorta che in Italia ancora si vota, e se nessun partito esistente la rappresenta ha la possibilità di candidarsi e fare meglio di chi ruba lo stipendio.

      Il problema è che tutti si lamentano poi scelgono superficialmente al momento del voto.

      non ho capito bene la storia del prezzemolo: se è coinvolto in diversi processi, che non intende affrontare, evidentemente qualche colpa ce l’avrà, no?

      Si lasci difendere in tribunale dai suoi avvocati (che sono i migliori d’Italia). Non tutti i presunti innocenti hanno la sua stessa fortuna ed i suoi stessi mezzi per provare la propria onestà.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *