Una risposta a “Senza parole”

  1. fausto.pardolesi dice: Rispondi

    Caro Denis,

    non immagino il vostro dolore di genitori, io ho sentito male fisico e non mi capacito alla notizia.
    Mi sorprendi Denis, anche sommerso da questo oceano di dolore riesci a avere la forza, la voglia, la lucidità di trovare pensieri che riguardano noi tutti.
    Non conoscevo Alice ma la immagino allegra, come te, e ancora di più per la spensieratezza della sua splendida età.
    Non è giusto, non deve succedere.
    Questo si dice ogni volta, ma abbiamo costruito un mondo dove i pericoli sono accettati come ineluttabili.
    Le maledette auto hanno il primato su noi fragili pedoni o ciclisti allo sbaraglio.
    Gli attraversamenti pedonali protetti sono una mia fissazione, li ho chiesti sulla via Roma da anni, ne sono stati fatti pochi e forse mi sono ingiustamente accontentato.
    Come presidente della circoscrizione 4 speravo di realizzarne a decine a centinaia, uno per ogni zebra, per fare rallentare le auto e per dare un poco di sicurezza a chi si avventura da un marciapiedi all�altro.
    Insieme abbiamo tentato di smuovere la città per chiedere interventi in favore della sicurezza, di una mobilità che privilegi le persone, i bambini, gli anziani.
    Non abbiamo fatto in tempo, oggi non abbiamo parole per questo disastro troppo grande.

    Un abbraccio.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.