Il trucco sul nucleare

L’abrogazione del Governo delle norme sulla costruzione di nuove centrali nucleari è una vittoria per chi si è impegnato contro questa decisione con forza. Purtroppo però non è un ripensamento definitivo, ma un semplice escamotage per far saltare il referendum, e con questo tentare di affossare anche quello sul legittimo impedimento e sull’acqua pubblica.

Infatti l’obiettivo del Governo è molto chiaro dalla lettura del testo, che rinvia all’agenzia sul nucleare (di sua emanazione) la decisione. Per questo motivo spero che la Corte di Cassazione decida che le ragioni del referendum non sono venute meno, perché di fatto è palese che non è stato fatto nessun dietro front definitivo, ma semplicemente un rinvio finalizzato proprio ad impedire questa consultazione popolare. Il referendum non serve a modificare il testo, ma a permettere ai cittadini di dire la loro opinione sui fatti così importanti. Se passasse invece una linea diversa, di fatto daremmo il via ad uno strumento per annullare tutti i futuri referendum.

Fanno ridere i continui richiami alla volontà popolare, e le continue dimostrazioni di quanto questa volontà conti nulla per chi ci governa oggi.

Anche per questo motivo dobbiamo andare in massa a votare il 12 ed il 13 di Giugno per i quesiti che rimarranno in piedi

2 risposte a “Il trucco sul nucleare”

    1. Già. Era chiaro anche prima, poi lui, per spiegarlo anche ai meno attenti, l’ha dichiarato apertamente.

      In un altro Paese nessun capo del Governo si sarebbe mai sognato di dire una cosa simile…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *