I deliri del Blog di Beppe Grillo sulla Siria

Avete qualche dubbio su quello che è accaduto in Siria nell’ultimo anno? Non abbiate dubbi, è tutto estremamente semplice e raccontato sul blog di Grillo:

Quale interesse avrebbe avuto il governo siriano ad ammazzare civili, se non guadagnarsi impopolarità? Quindi sono stati gli Stati Uniti a fornire ai tagliagole questo gas letale. Le televisioni fanno di tutto con la loro informazione assassina per confondere le idee alla gente, quando la situazione invece è estremamente semplice, e non rimane che sperare sui deputati e senatori del Movimento 5 Stelle che in Terza e in Quarta Commissione di Camera e Senato possono far sentire la loro voce, anche se ben difficilmente poi sarà portata all’esterno. La situazione, torno a dire, è di estrema gravità e il presidente degli Stati Uniti Barak Obama, premio Nobel per la Pace – ridicolo! – questo nero, come ho detto altre volte, ben felice di servire l’uomo bianco, ha detto che questa è l’ora delle decisioni.

Attendiamo con speranza e trepidazione l’intervento dei deputati e senatori 5 stelle, guidati dalla luce illuminata della saggezza.

2 pensieri riguardo “I deliri del Blog di Beppe Grillo sulla Siria”

  1. Già, è semplice, come tutto nel mondo dei Grilli, almeno è firmato l’articolo.

    Però va detto che puzza qualcosa davvero in questa storia, perché Assad non aveva certamente bisogno di fare una cosa del genere in quanto sta già vincendo, e che i ribelli si fanno autostrage è improbabile pure. La verità forse si saprà da qualche anno.

    1. Infatti, anche io mi chiedevo perché. Gli Stati Uniti hanno detto, chiaramente, che la linea da non oltrepassare era quella delle armi chimiche. Non mi pareva avessero voglia di un’altra missione di questa portata, con i suoi costi esorbitanti.
      E guarda caso, usano proprio quelle, dopo aver ucciso già decine di migliaia di persone senza che la comunità internazionale muovesse un dito.

      D’altra parte, poteva anche essere una mossa dei ribelli, per portare USA, Francia e Gran Bretagna dalla loro, ma a questo punto perché il regime non ha fatto indagare subito?

      Quello che però voglio continuare a sottolineare, perché credo sia un aspetto fondamentale, è che la vita è piena di dubbi. L’interpretazione delle cose non è mai bianca o nera, il punto di osservazione cambia la realtà da interpretare.
      Tutto quello che pretende di essere assoluto, dalla religione ai capobranco di pecore, nasconde una grande pochezza. Perché è dal dubbio che nasce il progresso, la tolleranza, il rispetto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *