Tutti contro uno

Non mi pare difficile da capire: se oggi Bersani e Monti prendono accordi di non belligeranza in campagna elettorale, ed anticipano collaborazioni post-elettorali, danno spazio a tutti gli altri, Berlusconi compreso.

Riducendo le loro (presunte) differenze programmatiche, chiaramente si mangiano l’un l’altro i voti dell’intersezione, e disperdono i voti di chi non è d’accordo nell’alleanza.

Il PD, in particolare, pare dare già per persa la sfida.

Complimenti, non era facile rischiare di perdere, solo pochi giorni fa.