La Favola di Giorgia Meloni ed il Museo Egizio

Il resoconto del Post sulla vicenda tra Fratelli D’Italia ed il Museo Egizio è al solito impeccabile. Il direttore del Museo ha risposto alla Meloni in maniera pacata, facendole fare brutta figura, ed in risposta il suo partito propone di rimuoverlo dall’incarico se vincerà le elezioni.

Peccato che il Museo Egizio di Torino non si regga con soldi pubblici ma sia autonomo (e porta enormi entrate turistiche alla città, tra l’altro), e che il Governo non abbia per fortuna nessuna autorità su questa nomina.

Ma non importa, tanto lo scopo era farsi pubblicità in campagna elettorale.
Sarebbe quindi opportuno che simili sciocchezze venissero punite alle urne.

Meloni ha ribattuto dicendo che l’iniziativa discrimina chiaramente su base religiosa, dimostrando di fare confusione tra religione e lingua parlata. Greco le ha infatti ricordato che parlare arabo e provenire da un paese in cui si parla quella lingua non significa essere necessariamente musulmani: in Egitto ci sono milioni di cristiani copti, che certamente parlano arabo ma non sono musulmani. Greco ha infine elencato i successi del museo negli anni della sua direzione, ricordando che i bilanci sono in attivo e che l’istituzione non grava sulle finanze pubbliche, altra cosa che Meloni non sembrava avere molto chiara. Forse anche in seguito al successo del video che mostra l’incontro tra Meloni e Greco, domenica 11 febbraio Fratelli D’Italia ha annunciato di volere rimuovere l’attuale direttore del Museo Egizio dal suo incarico nel caso in cui il partito vinca le elezioni, con la coalizione di centrodestra: «Una volta al governo Fratelli d’Italia attuerà uno spoil system automatico per tutti i ruoli di nomina». FdI ha definito l’iniziativa per chi parla arabo “ideologica e anti-italiana” e diversi suoi esponenti hanno fatto riferimento al museo parlando di “istituzione culturale pubblica”, dimostrando nuovamente di sapere molto poco di quello di cui parlano.

Fonte: Cos’è questa storia del Museo Egizio e Giorgia Meloni – Il Post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *