Alessandro Ronchi

Il miglior motore di ricerca desktop per Mac: Foxtrot

Tutti i giorni chi usa Google o altri motori di ricerca sul web conosce la praticità di poter trovare in maniera immediata contenuti tra miliardi di pagine. La stessa funzionalità, in parte, c’è anche sul nostro computer di casa.

Su Mac esiste spotlight, che una volta utilizzato mostra risultati sia da internet sia in locale. Ma non è affatto comodo, non mostra l’anteprima del risultato, non si può filtrare solo parte del disco, non si può evitare di cercare ovunque. Troppi dati non utili significa poca informazione.

Nella ricerca di qualcosa di migliore ho trovato un programma, Foxtrot, che risolve il problema. E’ utilissimo se avete tanti documenti di tanti tipi (PDF, word, presentazioni, ecc) e volete fare ricerche al loro interno, con un ordinamento per rilevanza.

Non è gratis, ma non ha un costo elevato ed è possibile scaricarlo ed utilizzarlo per 30 giorni come demo, per capire se fa al caso vostro. Lo trovate a questo indirizzo:

https://foxtrot-search.com/

Manuale di Autodifesa Digitale

E’ importantissimo avere alcune nozioni di base di sicurezza informatica, sull’uso del proprio cellulare e dei propri profili social. Quest’anno ne abbiamo certamente abusato, probabilmente anche chiudendo un occhio sulla privacy. Il cellulare contiene dati importanti, le connessioni con le email che usiamo per registrarci sui siti, i profili delle carte di credito, i nostri ricordi.

Questo manuale di autodifesa digitale è uno strumento preziosissimo, che ti consiglio di scaricare ma soprattutto divulgare agli amici. E’ breve ma essenziale, ti consiglio di leggerlo anche se pensi di sapere già tutto!

SPOSTIAMO I VACCINI, NON GLI ANZIANI

Le file ferme ed ordinate di over 80 davanti alle farmacie per prenotare i vaccini, con i computer in tilt, sono l’ennesima dimostrazione che la frammentazione del servizio sanitario non porta nessun beneficio.

L’affluenza era prevedibile, conoscendo il numero di residenti per ogni comune, e nonostante i lunghi mesi a disposizione per predisporre il sistema delle prenotazioni, i problemi sono sotto gli occhi di tutti.

Per fortuna le farmacie hanno mantenuto l’ordine e si sono preoccupate di evitare assembramenti, ma non riesco a non provare tristezza nel vedere che nel 2021 sia ancora necessario fare la coda per prenotare un servizio pubblico, perché quello telefonico non è sufficiente.

Molti di coloro che sono riusciti a prenotare hanno ricevuto uno spazio a metà Aprile ed in Comuni diversi dal proprio. Ci rivolgiamo alle autorità sanitarie con un accorato appello: spostiamo le dosi di vaccino, non facciamo muovere inutilmente gli anziani.

E’ più facile spostare i vaccini delle persone, avvicinarli alla residenza per evitare di fare circolare inutilmente soggetti over 80 a rischio nei mezzi pubblici o privati.

Evitiamo che la logistica aggravi il problema della ridotta disponibilità delle dosi e cerchiamo di organizzare al meglio possibile il servizio.

Da oggi è zona rossa

Da oggi è Zona Rossa.
Bisogna stare in casa, non fare nulla.
A meno che non si vada a trovare un parente.
O dal parrucchiere.
O In lavanderia.
O a lavare la pelliccia.
O in tintoria.
O al supermercato.
O a comprare un surgelato.
O a comprare un computer.
O a comprare un cellulare.
O un elettrodomestico.
O uno stereo.
O una TV.
O dal tabaccaio.
O a comprare del liquido da inalazione.
O dal ferramenta.
A comprare una vernice.
O un po’ di piastrelle ceramiche.
O un bidet.
O un tagliaerba. O un cancello automatico.
O una fornitura per ufficio.
O una calzatura per bambini.
O una mutanda.
O un pallone da calcio.
O una automobile.
O una nuova motocicletta.
O un giocattolo nuovo.
O un profumo.
O un po’ di fertilizzante.
Casomai un mazzo di fiori.
O vi venga in mente di comprare un cucciolo in negozio.
O la nuova lente per la vostra Nikon.
O materiale per la lucidatura.
O andare al distributore automatico di DVD porno.

Sento soffocarmi dalla nostra dittatura sanitaria, è ora di ribellarsi.

Perché in Italia il digitale arranca?

Oggi abbiamo avuto un altro esempio. Riguarda il cash back:

  • hai registrato la tua carta per chiedere il cashback.
  • hai deciso nonostante il periodo di fare i tuoi acquisti fisicamente, non online
  • la tua carta però ha due loghi di due circuiti diversi (ad esempio i bancomat Bancoposta, diffusissima).
  • per sfortuna hai sbagliato circuito (avevi il 50% di possibilità, ti è andata male).

Dovevi registrare due volte la carta, ovvio no?

Voglio sperare che oltre a sistemare il sistema (di nuovo) rettifichino i dati degli acquisti già registrati, perché è colossale.

Gli errori capitano, ma le norme andrebbero studiate per semplificare i sistemi, non complicarne la gestione: il cashback e la lotteria degli scontrini andavano gestiti con i circuiti senza obbligo di registrarsi sulla app.

Leggete l’articolo su Il Post:

https://www.ilpost.it/2020/12/22/problemi-cashback-contactless/

Torna su