Internet e la Politica.

Mantellini dedica il suo pezzo su Punto Informatico al rapporto tra politici e rete, a 3 settimane dal voto delle amministrative.

Condivido quasi tutto, ma penso che occorra andare oltre e fare una analisi dei motivi che spingono molti politici ad utilizzare la rete come uno spazio in più ma non diverso dove pubblicare i propri comunicati stampa.

Penso che il rapporto tra politica e rete vada valutato più in periferia che a livello nazionale. I partiti ed i candidati ai massimi livelli perdono, per mancanza di tempo, quel contatto diretto con la rete. Semplicemente seguono gli strumenti per la creazione del consenso, ed in Italia oggi lo strumento più potente è la televisione. Quando e se le cose cambieranno, cambieranno anche i rapporti, ed i politici dedicheranno più tempo ad internet che al resto.

In periferia, invece, le cose sono diverse. Spesso la rete è l’unico strumento per comunicare le proprie idee e per questo motivo, dopo qualche tentennamento iniziale, oggi quasi tutti si dotano di un po’ di spazio sul web.

Nel 2004 eravamo in 3 ad utilizzare il blog come strumento per la campagna elettorale, banalmente perché lo utilizzavamo già prima, mentre negli USA era già stata utilizzata per le campagne politiche nazionali.

Oggi lo strumento è più diffuso, come è più diffusa la pratica del “Costruisco il sito per le elezioni e dopo il ringraziamento agli elettori lo abbandono”.

E’ chiaro, anche se non pare che tutti se ne accorgano, che la rete è uno strumento per comunicare le proprie idee e non le sostituisce. Chi si presenta senza sostanza, rischia di esporre la propria posizione a più rischi che benefici.

Come per tutte le cose, vale la selezione “naturale”. Se qualcuno troverà nella rete uno strumento vincente, e se sapremo premiare chi mette la faccia ed il proprio tempo ogni giorno in rete, queste modalità si diffonderanno e, credo, anche la politica un po’ più ragionata ed un po’ meno “spot” sarà premiata con loro.

Forlì Elezioni amministrative 2009: Elenco dei Candidati dei Verdi per Balzani

Verdi Per Balzani Forlì

Questo è l’elenco dei candidati dei Verdi per Balzani per il Consiglio Comunale di Forlì:

N.Cognome e nomeLuogo e data di nascita
1RONCHI ALESSANDRO FORLI
12/04/1980
2PARDOLESI FAUSTO FORLI
23/12/1957
3MORELLI SANDRA FORLI
10/08/1955
4PONTILLO GIUSEPPE DETTO PAOLO FORLI
21/09/1957
5NALDINI NICOLETTA CESENA
08/01/1977
6CAROLI DONATELLO FORLI
30/07/1940
7ERANI CLAUDIOFORLI
11/05/1947
8BARASI CARMEN FORLI
15/10/1955
9BORRONI FERDINANDO MEDICINA (BO)
14/12/1955
10CASADEI MASSIMO FORLI
13/10/1951
11BAFFIONI CATIA FORLI
21/04/1949
12BANDINI ANDREACASTROCARO TERME T. d. SOLE (FC)
30/11 /1948
13BELLAVISTA EDDA BRUNARIMINI
11/01/1943
14CATACCHIO ANNAMARIA FORLI
30/01/1956
15DERNI DENIS FORLI
30/08/1962
16FANTINI MASSIMOS. SOFIA (FC)
06/01/1959
17BELLI GIOVANNA CESENA
28/03/1944
18GAVELLI GIANNI FORLÌ
23/09/1979
19GENSINI IVO BERTINORO (FC)
22/10 /1950
20GIARDINI SILVIA FORLÌ
11/11/1967
21GIORGETTI GIANLUIGI FORLÌ
08/11/1969
22GUIDI ANNA MARIA MELDOLA (FC)
09/12/1963
23MALMESI CLAUDIOFORLÌ
01/12/1954
24MILANDRI MASSIMO FORLI
24/12/1954
25MINI FEDERICA FORLI
22/09/1978
26MORDENTI MADDALENA FORLÌ
09/03/1979
27PIOVACARI GIAN PIEROFORLI
15/03/1963
28RAVAIOLI LUCIANA FORLÌ
04/01/1952
29RICCI MARIA CLAUDIA FORLÌ
17/10/1970
30RONDONI ROBERTA detta BEBA FORLI
25/08/1974
31RUFFILLI LORENA FORLÌ
15/01/1955
32SALVATORELLI MARIA CHIARA SAVIGNANO SUL RUBICONE (FC)
19/02/1949
33SEMPRINI FABIO FORLÌ
20/05/1944
34SERRA ALESSANDROFORLI
08/02/1966
35TAGLIATA DONATELLA DOVADOLA (FC)
23/05/1950
36TOLO GIUSEPPEDOVADOLA (FC)
18/03/1962
37TURCHI VALENTINAFORLÌ (FC)
13/01/1973
38TURCHI ANNA RITA FORLÌ (FC)
23/12/1955
39TURCI ELIAMELDOLA (FC)
11/03/1962
40VETTORI PATRIZIA PARMA
22/05/1957

Elezioni Forlì: Vota per il Software Libero!

Anche quest’anno ho aderito alla campagna promossa da Assoli (Associazione Software Libero) per le elezioni amministrative, sottoscrivendo i punti programmatici e l’impegno a favore del software libero se eletto:

vota per il software libero!
Vota per il software libero!

Colgo l’occasione per ricordare che, su mia proposta, il Comune di Forlì ha votato nel 2007 una mozione a favore del software libero, sui formati aperti e sull’accesso pubblico al sapere:
Software e Cultura Liberi a Forlì
Mozione sull’accesso pubblico al Sapere