Ha Ragione Gilioli: il sindaco siamo noi

Il sindaco siamo noi. Il sindaco siamo noi che abbandoniamo le lavatrici vecchie accanto ai cassonetti, e se fa caldo non li apriamo nemmeno per buttarci il sacchetto della spazzatura domestica, troppa fatica.

Vi consiglio di leggerlo tutto: Il sindaco siamo noi

E’ legittimo lamentarsi, ma oltre alla protesta occorre che ognuno faccia, nel proprio lavoro e nelle proprie abitudini, la propria piccola ma fondamentale parte.

Fra nucleare e grandi opere che differenza c’è?

Vi segnalo questo interessante articolo scritto da Michele Dotti per il Fatto Quotidiano

La tragedia immane di Fukushima ha segnato una data storica nell’immaginario collettivo globale.

La Cina ha bloccato la costruzione di nuove centrali nucleari, la Germania ha deciso di sospendere il prolungamento del ciclo di vita operativo di 16 reattori, la Svizzera ha bloccato la procedura di domanda di autorizzazione di tre nuovi siti.

(continua)

Elezioni regionali 2010 Emilia Romagna

In queste elezioni regionali i Verdi dell’Emilia-Romagna sono in bicicletta con Sinistra Ecologia e Libertà. Il nostro simbolo “idee Verdi”, serve anche ad indicare l’obiettivo a lungo termine della costituente ecologista, che proseguirà dopo le elezioni regionali, per riunire in un unico movimento tutti gli ecologisti italiani, come avvenuto negli altri paesi europei dove i risultati hanno premiato con percentuali a doppia cifra.

Per approfondire:

Per un Mondo Migliore

Ho scoperto oggi un progetto interessante. Abbastanza simile al mio “buonanorma” di qualche anno fa, che però non riscosse un grande successo, ed al sito We are what we do, che invece nel Mondo ne ha avuto molto (e che preferisco nonostante la lingua inglese).
Speriamo che questo abbia una sua buona diffusione e tramite le buone pratiche aiuti a ridurre il nostro uso del Mondo:
http://www.perunmondomigliore.net/

Ecco Come vendiamo le pellicce ai russi – Risposta LAV

Pubblico una nota della Lega Anti Vivisezione in merito all’articolo: “Ecco come vendiamo le pellicce ai russi” pubblicato il 12.2.2008 su “Il resto del Carlino”, Forlì Economia, p. 11.

La LAV Lega Anti Vivisezione Onlus, sede Territoriale di Forlì-Cesena, critica duramente le dichiarazioni rese da Cristina Bacchi, titolare della ditta di ‘Lavorazione pelli Gentili’ a Teodorano di Meldola e della linea ‘Pellicceria Cristina e altre idee’, a difesa delle pellicce di derivazione animale, incominciando da quella secondo cui “la vera pelliccia ecologica” sarebbe “quella animale, perché ecologico non significa animalista “.
A prescindere dal falso e totalmente improprio impiego, registrato dalla LAV, della parola “ecologica” in riferimento ad una pelliccia animale, la LAV ricorda come l’edulcorata descrizione delle proprie attività commerciali fatta dalla signora Bacchi ometta un dato fondamentale: la sofferenza animale, dei milioni di animali che ogni anno vengono allevati e uccisi per la propria pelliccia, tra una vita di privazioni e una morte atroce che prevede metodi quali la camera a gas, la rottura delle ossa cervicali, la corrente elettrica, per non parlare poi delle pellicce provenienti dalla Cina, dove gli animali vengono scuoiati vivi.
Una pelliccia è un capo di abbigliamento che nasconde la sofferenza di tanti animali: per confezionare una pelliccia di visone sono necessari fino a 54 animali, per una di volpe 24, per gli ermellini si arriva fino a 200 esemplari.
E nulla vale il ricordare che la ditta Bacchi si servirebbe di pelli “in accordo con la Convenzione di Washington” sulle specie in via di estinzione: forse che quelle di visoni ,conigli, procioni, volpi non sono vite da rispettare?
Per quanto riguarda poi i conigli (i “lapin” della signora Bacchi), la LAV ha recentemente diffuso le immagini di un video shock (visionabile sul sito www.lav.it) sui metodi del loro allevamento: essi sono sottoposti a riproduzione forzata (ogni fattrice viene utilizzata per al massimo due anni, durante i quali partorisce circa 160 piccoli, una cucciolata ogni 45 giorni), venendo fatti crescere in gabbie minuscole e sporche per poi, giunta la crescita del pelo a “maturazione”, venire gettati in casse di plastica, ammassati sui propri consimili e trasportati verso il macello, dove verranno poi tramortiti con una cinghia, sgozzati e infine scuoiati vivi.
“Tutto il discorso della signora Bacchi è una vera e propria orazione pro domo sua, a difesa del proprio interesse economico, noncurante delle torture inflitte a visoni, volpi, conigli e a tutti gli altri animali uccisi per la loro pelliccia, di cui si serve la sua azienda-commenta Valentina Turchi, Consigliere Direttivo della sede LAV forlivese -.Ma forse l’accorata apologia di un business che lucra nel vero senso della parola sulla pelle degli animali è tanto più veemente quanto maggiori sono le difficoltà di questo settore in Italia, ove sempre crescente è il numero dei cittadini sensibili ai diritti degli animali e alle loro sofferenze. E in questi cittadini, le pellicce della signora Bacchi non troveranno certo acquirenti”.