Elogio delle Fotocamere Senza Specchio

Da più di un anno ho cambiato tipo di fotocamera digitale. In precedenza usavo una Canon EOS 40D, che è una fotocamera semiprofessionale di elevata qualità ed è usata ad esempio da molti fotografi di matrimoni.
Dopo un viaggio a Lisbona ho deciso di cambiare, il suo peso era talmente elevato che la borsa fotografica ostacolava le lunghe e piacevoli passeggiate.

Così ho acquistato su internet, dopo uno studio attento tra le recensioni, una fotocamera Olympus Pen senza specchio. Il modello è E-pl2. Questo particolare tipo di fotocamera usa una baionetta (l’attacco degli obiettivi) micro quattro terzi, usato anche da Panasonic.

La cosa bella delle fotocamere mirrorless (senza specchio, appunto), è che dietro questa apparente mancanza si cela una enorme qualità. Le reflex (con lo specchio) sono state inventate nel 1861, per permettere al fotografo di vedere direttamente quello che la fotografia avrebbe mostrato solo dopo lo sviluppo.

Olympus PEN E-PL2

Ma dal 1800 è cambiato tutto, e con l’arrivo delle fotocamere digitali compatte è arrivata anche la visione dallo scatto diretto, senza specchi.

Negli ultimi anni è nata poi una nuova categoria di fotocamere, le mirrorless o EVIL (un acronimo che indica il visore elettronico). Come le compatte mostrano direttamente nello schermo posteriore la foto in diretta, ma a differenza delle compatte hanno la stessa qualità delle reflex. In più possono avere mirini elettronici di qualità comparabile a quelli ottici delle vecchie reflex.

Eliminando lo specchio si recupera spazio tra il sensore e l’obiettivo, e questo porta un pò di vantaggi:

  • lo specchio complicava la progettazione di fotocamere ed obiettivi, imponendo limiti e costrizioni che limitavano la qualità finale o ne aumentavano il prezzo
  • per fotografare una reflex deve alzare lo specchio, aprire l’otturatore, richiudere lo specchio. Tutte queste parti in movimento hanno una usura ed una vita limitata nel tempo
  • senza lo specchio, la lente si può avvicinare al sensore riducendo notevolmente la dimensione della fotocamera e delle lenti.
  • A parità di qualità, quindi, si possono ottenere costi minori e sicuramente fotocamere più portabili e leggere
  • attraverso il mirino elettronico si possono vedere le foto già modificate con filtri artistici digitali
  • Avendo un “tiraggio” basso, è tecnicamente più facile fare adattatori per lenti delle reflex, anche vecchie. Infatti esistono adattatori per praticamente qualsiasi baionetta esistente

ed ovviamente altro ancora. Leggi tutto “Elogio delle Fotocamere Senza Specchio”