Gli scooter elettrici Vectrix a Perugia per una città più pulita e silenziosa

Gli scooter elettrici Vectrix sono stati presentati all’amministrazione del Comune di Perugia. Silenziosi, senza limiti di circolazione, con un’ottima efficienza energetica, possono essere uno strumento utile a diminuire inquinamento e traffico delle città.

Alla presentazione ha partecipato il Sindaco Locchi, al quale è stato consegnato l’attestato di “ambasciatore dell’elettrico”, ed un folto numero di autorità cittadine.

L’Azienda produttrice ha stimato un risparmio di 300’000 euro su una flotta di 100 scooter elettrici sostituiti ad altrettanti veicoli a benzina nei primi 4 anni, grazie alla diminuzione delle spese di manutenzione, carburante, tasse ed assicurazione. A questo risparmio si affiancherebbero inoltre 85’000 chilogrammi di anidride carbonica in meno in atmosfera, calcolando anche la produzione di energia elettrica necessaria per gli spostamenti e le ricariche.

Tutelare la salute con provvedimenti rigorosi è necessario

Tornare indietro sul piano del traffico, incentivando l’ingresso delle auto, sarebbe un attentato alla salute. La stima degli anni scorsi di 30 morti l’anno causata dalle polveri sottili quest’anno sarà da rivedere al rialzo, purtroppo, visti i dati della provincia dal 1° Gennaio 2007.
Nonostante il limite di legge che impone al massimo 35 superamenti delle soglie in un anno, oggi a Forlì siamo già a 51.

Non si può pensare, evidentemente, che una volta superato il numero concesso dalla legge non sia più necessario intervenire: ogni peggioramento comporta un aumento delle conseguenze per la salute.

Così, mentre l’assessorato all’ambiente della Provincia del partito democratico Luciana Garbuglia propone di estendere a tutti i comuni a più alto rischio ambientale per le polveri sottili i provvedimenti già in vigore a Forlì e a Cesena, compresi i blocchi del traffico e gli altri provvedimenti di limitazione della circolazione privata, a Forlì si continua a proporre di
regalare la sosta e stendere tappeti rossi per chi sfrutta il mezzo più inquinante di tutti.

L’organizzazione mondiale della sanità dice che ogni aumento di 10 micro grammi al metro cubo di pm10 provoca un aumento della mortalità del 10%, del 29% di bronchiti, ed una diminuzione della funzione polmonare soprattutto nei bambini.

Le legittime preoccupazioni dei commercianti possono trovare risposte anche attraverso
forme alternative e più sostenibili di mobilità, eventi che richiamino gente e non necessariamente automobili, fondi per il miglioramento dell’arredo urbano ed incentivi per gli investimenti nelle attività private.

La salute, invece, non può essere tutelata se non con provvedimenti rigorosi e di prevenzione primaria agendo sulle cause dei rischi.

La notte di Ognissanti nella fortezza di Castrocaro

Ognissanti (Halloween) nella fortezza di CastrocaroLunedì 31 ottobre, dalle ore 20,30, la Fortezza di Castrocaro diventa il Castello dei Misteri

Tra le imponenti mura della Fortezza medievale è riproposta una originale rievocazione della tradizionale “Notte di Ognissanti”, a ricordo dell’antichissimo rito celtico, divenuto in anni recenti “Halloween”.
Dalle 20.30 a notte inoltrata i visitatori vengono accompagnati a lume di fiaccola nelle sale, nelle corti, nei camminamenti e nelle segrete del castello, alla ricerca delle arcane figure dell’immaginario medievale:
fantasmi, streghe, santoni, fattucchiere, fino al misterioso ed enigmatico
Mazzapégul, di cui hanno ancora memoria gli ultimi custodi della tradizione contadina.
Sulla base delle antiche credenze medievali, gli organizzatori della manifestazione ripropongono ai partecipanti le antiche paure medievali, dalla tavola imbandita per i defunti all’accensione dei fuochi, alla preparazione di filtri d’amore, di legature, di amuleti contro il malocchio, fino alla danza delle streghe.

Nella Taverna della Fortezza è garantita a tutti una sosta ristoratrice, con vin brulé, dolci e altre prelibatezze romagnole.