Aderisco alla marcia per il clima 7 Giugno 2008

ADESIONE ALLA MARCIA PER CLIMA PROMOSSA DA LEGAMBIENTE

MILANO 7 GIUGNO 2008

Aderiamo alla Marcia perché condividiamo l’Appello che la promuove.
Siamo convinte e convinti che sia necessario cambiare il modello di sviluppo sociale ed economico, i sistemi di produzione, la gestione del territorio, gli stili di vita individuali.
Siamo consapevoli che la cultura ecologista di interpretazione e trasformazione della realtà ha trovato nel tempo continue conferme, ma, in Italia, non ha invece trovato una forza politica Verde sufficientemente coraggiosa, coerente e intelligente da raccogliere pienamente la sfida ambientale e da delineare un orizzonte possibile di cambiamento.
Il concetto di LIMITE è base del pensiero ecologista e ragione fondante dell’autonomia politica dei Verdi, e ora dovrà esserlo “PER IL NUOVO INIZIO” di Verdi radicalmente rinnovati e capaci di dialogare e costruire proposte con tutti coloro che ritengono centrale la questione ecologista.

Aderiamo alla Marcia perché consideriamo le battaglie

PER l’ACQUA PUBBLICA, CONTRO IL NUCLEARE CIVILE E MILITARE,

PER UN’AGRICOLTURA CHE PRODUCA CIBO,

CONTRO OGNI DISCRIMINAZIONE, PER I DIRITTI CIVILI,

PER IL RISPARMIO ENERGETICO

battaglie PER LA DEMOCRAZIA E PER L’AMBIENTE

Aderiamo alla Marcia per NON DIMENTICARE
* l’esplosione del reattore nucleare n°4 della centrale di CHERNOBYL, che nel 1986 ha prodotto un livello di radioattività 200 volte superiore a quello dell’effetto combinato delle bombe atomiche sganciate su Hiroshima e Nagasaki;
* HIROSHIMA E NAGASAKI;
* le SCORIE RADIOATTIVE da smaltire, L’URANIO raro e costoso
* I NEGOZI DEGLI EBREI devastati nell’alba FASCISTA
* L’OLOCAUSTO
* LE AGGRESSIONI AI CAMPI ROM del maggio 2008 italiano
* LE VETRINE in frantumi del maggio 2008 italiano

ADERIAMO ALLA MARCIA PERCHE’ CREDIAMO NEL CONCETTO DI LIMITE E

PERCHE’ SI E’ GIA’ SUPERATO OGNI LIMITE

Nuova rotatoria via Mattei, Masetti e Zangheri

E’ stato approvato dalla Giunta Comunale il progetto definitivo relativo ai lavori di realizzazione della rotatoria stradale all’incrocio tra le vie Mattei, Masetti e Zangheri, progetto redatto dai tecnici del Comune (Servizio Viabilità).
L’intervento aumenterà sensibilmente la sicurezza dell’attuale incrocio – congestionato non solo nelle ore di punta – riducendo l’incidentalità stradale grazie alla semplificazione segnaletica e alla minore velocità di transito indotta dalla rotatoria stessa. L’inserimento di una rotonda nell’intersezione esistente, inoltre, prevede un aumento della capacità di traffico rispetto all’attuale incrocio con semaforo, semplificazioni nelle operazioni di svolta, la possibilità di compiere inversioni di marcia e un aumento della disciplina stradale e della moderazione nella circolazione da parte degli utenti.

Il progetto
Il progetto complessivo, che sostituisce il tradizionale incrocio, prevede la realizzazione di una rotatoria con diametro esterno di 44 metri, corona transitabile di 9 metri , isola centrale di diametro di 20 metri anello sormontabile di 2 metri, marciapiede salvagente di 1 metro. Tutti gli ingressi alla rotatoria prevedono l’immissione a due corsie e relative isole spartitraffico con zone di rifugio per pedoni e ciclisti. L’intervento interessa l’intersezione che dà accesso alla zona residenziale del Ronco e ai collegamenti per Forlimpopoli e Cesena, per l’Aereoporto attraverso via Roma, per le direzioni centro, Fiera, Autostrada, Faenza e Bologna. Il costo complessivo ammonta a 400.000 euro.

Spiagge. Campagna Legambiente Firenze per posacenere all’Elba

Per ricordare che ”le spiagge e gli scogli non sono dei posacenere”, Legambiente ha cominciato a distribuire ai turisti ospiti degli alberghi dell’Isola d’Elba 25.000 posacenere da spiaggia. Sono stati realizzati in plastica – colorata e ”rigorosamente riciclata” – nell’ ambito della campagna ”posacenere da spiaggia” – che vede impegnati anche gli albergatori e il parco nazionale dell’ arcipelago toscano. La distribuzione viene effettuata anche presso le strutture del parco di Marciana e Rio nell’Elba e l’info park point di Portoferraio. I posacenere da spiaggia saranno poi offerti anche ai visitatori di Pianosa per salvaguardare, in particolare, la spiaggia di Cala Giovanna. L’ operazione, spiega una nota di Legambiente, ”vuole sensibilizzare l’ opinione pubblica sul grave impatto che hanno sull’ambiente i milioni di mozziconi di sigarette che ogni anno sono abbandonati sulle spiagge, sugli scogli e in mare dalle barche”. Tenendo conto che in Italia i fumatori sarebbero 18 milioni e ogni fumatore consuma in media dieci sigarette al giorno, vanno in fumo circa 180 milioni di sigarette al giorno. ”E poiche’ ogni mozzicone – calcola Nicoletta May, responsabile del progetto – occupa un volume di 1,1 cm cubi, il volume totale di mozziconi prodotti in un giorno e’ di 193 metri cubi e in un anno di 72.250 metri cubi. Prendendo come riferimento la torre di Pisa, che contiene un volume di 3.973 metri cubi, in un mese in Italia si accumula un volume di mozziconi pari a una volta e mezza la torre”.

Uscita la nuova Prius in Giappone

La Toyota Prius, nella sua prima versione, era una macchina a motore ibrido elettrico e a benzina. Questa miscela permette di utilizzare nei percorsi più lenti e con frequente scalo di marcia il motore elettrico, che tra le altre cose si spegne quando l’auto si ferma (per esempio nei semafori) azzerando le emissioni nocive.
Inoltre un sistema permette di ricaricare le batterie elettriche in frenata o in discesa, realizzando percorrenze chilometriche record per litro di carburante.
Ieri è uscita la nuova versione in Giappone, che permette di fare 35 chilometri con un litro (e per una monovolume è una cosa impressionante).
Tra le altre cose ha anche un optional interessante, che permette di parcheggiare la vettura in maniera totalmente automatica, semplicemente selezionando sullo schermo del computer di bordo il posto dove sistemare l’automobile.

La nuova Prius viene venduta a 17 mila euro in Giappone, che è un prezzo onestissimo per una macchina che sembra provenire dal futuro. In Europa non è nota ancora la data di immissione nel mercato, ma speriamo che avvenga in tempi brevi e che sia fatta abbastanza pubblicità.

La Prius, che pare una collezione di esperimenti e di prototipi, potrebbe essere il passaggio dalla benzina all’elettrica ad emissioni zero, e la speranza di tutti è che le soluzioni introdotte in questa auto futuristica siano portate anche sulle auto più famose della casa produttrice, come la Yaris, che è già un gioiellino di tecnologie.

Un futuro diverso è possibile? Pare di si.
link alla pagina della Prius