Forlimpopoli: batbox per combattere le zanzare coi pipistrelli

Anche a Forlimpopoli hanno deciso di acquistare delle batbox per cercare di ospitare pipistrelli e sfruttarli nella lotta contro le zanzare.

I Pipistrelli, infatti, mangiano migliaia di zanzare ogni notte e queste iniziative, già provate in diversi comuni, permettono non solo di risolvere il problema dei fastidiosi insetti, ma anche di risparmiare migliaia di euro nelle disinfestazioni.

Purtroppo sono animali sentinella per l’inquinamento e si stanno allontanando dalle nostre città, ma con progetti specifici si può tentare di ripopolarle.

Pipistrelli contro le zanzare a S. Benedetto del Tronto

Pochi giorni fa il TG-5 in prima serata ha parlato del progetto di lotta biologica delle zanzare attraverso i pipistrelli del Comune di San Benedetto del Tronto, presentato dall’assessore all’ambiente Canducci e dal consigliere dei Verdi Marinucci. I pipistrelli mangiano 2000-3000 zanzare ogni notte, e quindi sono un competitore biologico capace di ridurre il numero delle zanzare tigri e di altri insetti fastidiosi che preoccupano le nostre estati, secondo uno studio dell’Università di Firenze sperimentato con esiti positivi in precedenza a Fiesole.

Il progetto del Comune di S.Benedetto prevede l’installazione di bat box, le casette per pipistrelli, fatte in legno da un artigiano locale, quindi favorendo l’economia locale e la filiera corta.

Pipistrelli a Porto d’Ascoli contro le zanzare

A Porto d’Ascoli tra le varie iniziative messe in campo dall’amministrazione comunale per la lotta alle zanzare c’è anche l’installazione di bat-box, dei supporti speciali in legno installati in vari punti della città per favorire la formazione di colonie di pipistrelli, grandi divoratori di zanzare.

Nella zona risultano già oggi alcune colonie, e nell’area del campo sportivo “Ciarrocchi” questo si è tradotto in una consistente diminuzione di fastidiosi insetti.

Fonte: http://www.ilquotidiano.it