Alessandro Ronchi

Ryanair

L’aeroporto di Forlì è nella nebbia e si continua a navigare a vista.

Ogni anno la stessa favola: l’aeroporto di Forlì è in perdita, ma il piano X lo solleverà dalla crisi. Salvo poi scoprire, tutte le volte, che il piano X non esiste.
La cura secondo l’assessore forlivese con la delega all’aeroporto al nuovo buco di 5 mln di euro è la fuoriuscita della società bolognese dalla SEAF, che presuppone quindi un aumento delle percentuali degli altri soci – con conseguenti maggiori spese annuali per il ripiano del debito del Comune – o l’entrata di quote consistenti di terzi fino ad ora non pervenuti.

Ben venga l’entrata dei privati e degli altri comuni che beneficiano di questa struttura, noi Verdi lo diciamo da anni, ma se ne discuta in Consiglio e con dati precisi.

Smettiamola però di prendere in giro i cittadini, dicendo loro che arrivati ad un certo volume di passeggeri la struttura smetterà di perdere: ogni anno voli e passeggeri aumentano, e con l’aumentare dei passeggeri aumenta il debito.

Diciamo loro la verità: con le loro tasse pagano parte del viaggio ai turisti di Cervia, Rimini e Cesenatico, o addirittura a quelli che vanno all’estero a spendere la quota delle loro vacanze, senza che chi guadagna da questo traffico si faccia carico dei costi.

Il piano X di Gennaio era l’hub di Ryanair, con la previsione di altri investimenti ed altri debiti pubblici, oggi si propone di tappare le falle con un nuovo centro commerciale.

Con l’aumento del petrolio, la crisi finanziaria e la diminuzione dei poteri d’acquisto dei cittadini si ipotizza che da fuori città la gente venga a fare shopping in aereo a Forlì.

E’ ora che l’amministrazione e la società smettano di scherzare e di navigare a vista, così facendo si continueranno a fare solo incidenti.

Aeroporto di Forlì: un successo o un fallimento?

Dopo l’annuncio dell’accordo tra SEAF (la società che gestisce l’aeroporto di Forlì) e Ryanair fatto in pompa magna dell’ex sindaco di Forlì Rusticali è di oggi la notizia dell’abbandono di Cervia e Ravenna della società promozione e turismo, nata per affiancare SEAF nella promozione del Ridolfi. Evidentemente l’accordo “strappato” non ha accontentato proprio tutti.

In tutto questo il Consiglio Comunale di Forlì non è stato coinvolto nemmeno parzialmente, nemmeno una riunione dei capigruppo del consiglio o una commissione consiliare per l’aggiornamento della situazione ed una analisi approfondita dei termini dell’accordo, che abbiamo appreso solo dalla stampa in maniera molto vaga.

E’ illogico che si parli delle nostre società partecipate solo nel momento del ripianamento dei debiti, e non durante le scelte strategiche che vanno a pesare sul bilancio.

Puntata di report sugli aeroporti (compreso quello di Forlì)

Guardando Report ieri sera mi stupivo della coincidenza delle domande e delle posizioni degli autori con quelle che ho portato in questi anni, completamente da solo.

In Consiglio se provi a dubitare della mancanza di una programmazione regionale e nazionale, che porta a 50 aeroporti in Italia quasi tutti in perdita, di zonizzazione acutistica, oppure della gestione pubblica o dei soldi pubblici spesi per attirare le società low cost, come ho fatto in questi anni, non vieni neppure considerato.
Invece di guardare ad un trasporto su rotaia decente moltiplichiamo gli aeroporti, mentre in Francia il governo di centro-destra fa una moratoria sulla costruizione di nuovi scali commerciali.

Eppure sono domande che dovremmo porci, quando tagliamo dal bilancio tutto tranne che i carrozzoni di questo tipo.

Leggete il testo della trasmissione, specialmente l’ultima parte che riguarda i soldi pubblici che vengono dati ai vettori come Ryanair: sarà di stimolo al prossimo dibattito a Forlì, quando dovremo discutere se fare altri investimenti, con denaro pubblico, proprio per aumentare il numero di voli con questi vettori.

Torna su