Alessandro Ronchi

zanzara tigre

Pipistrelli contro le zanzare a S. Benedetto del Tronto

Pochi giorni fa il TG-5 in prima serata ha parlato del progetto di lotta biologica delle zanzare attraverso i pipistrelli del Comune di San Benedetto del Tronto, presentato dall’assessore all’ambiente Canducci e dal consigliere dei Verdi Marinucci. I pipistrelli mangiano 2000-3000 zanzare ogni notte, e quindi sono un competitore biologico capace di ridurre il numero delle zanzare tigri e di altri insetti fastidiosi che preoccupano le nostre estati, secondo uno studio dell’Università di Firenze sperimentato con esiti positivi in precedenza a Fiesole.

Il progetto del Comune di S.Benedetto prevede l’installazione di bat box, le casette per pipistrelli, fatte in legno da un artigiano locale, quindi favorendo l’economia locale e la filiera corta.

Zanzara tigre, animali ….e problematiche sanitarie

Zanzara tigre, animali ….e problematiche sanitarie

Continuano i mercoledì di fine mese di ARPA l’Agenzia Regionale per la Prevenzione e l’Ambiente, serate tematiche organizzate in collaborazione con AUSL Provincia Forlì-Cesena e Centro Educazione Ambientale La Cócla, questa volta saranno di scena le problematiche legate agli animali “sinantropi” che condividono cioè ambienti dove vive l’uomo e da cui ricavano sostentamento.

La serata avrà inizio alle ore 20,30 di mercoledì 25 maggio presso la sede de La Cócla in Via Anderlini, 59 a Forlì (la strada della Casa di Riposo Pietro Zangheri).

Durante l’incontro il Dott. Claudio Milandri Veterinario presso il Dipartimento di Sanità Pubblica parlerà delle problematiche legate ai piccioni: tipologie, caratteristiche riproduttive, problematiche legate alla conservazione dei beni monumentali e dei cornicioni, e di colonie feline e randagismo; mentre la Dott.ssa Roberta Colonna Entomologa Centro Agricoltura Ambiente di Crevalcore interverrà approfondendo le criticità dovute alla presenza della zanzara tigre, sue caratteristiche, modalità di riproduzione e istruzioni per evitarne il proliferarsi.

Al termine della serata è previsto un dibattito di approfondimento in occasione del quale sarà possibile fare domande ai relatori.

Torna su