Recuperare dati da un hard disk rotto su linux con ddrescue

Il vostro backup non è abbastanza recente ed il vostro disco fisso ha deciso di abbandonarvi? Prima di rassegnarvi c’è qualcosa che potete fare.

Se i dati sono preziosi, il consiglio migliore è quello di rivolgersi ad un centro specializzato. E’ solitamente un intervento costoso (se non lo è significa che non fanno il necessario), e non sempre ne può valere la pena.

In quest’ultimo caso, ci sono dei programmi linux che possono aiutare a recuperare gran parte, se non tutti i dati che avete perso a causa del disco.

La possibilità di successo dipende dal danno fisico che questo ha subito, quindi prima iniziate meglio è.

Prima di tutto scaricate systemRescueCD. E’ un cd che parte all’avvio, con tanti programmi utili per ripristinare un sistema operativo. Tenetene una copia a disposizione, ogni tanto potrebbe servirvi.

Poi avviate il computer con il disco rotto ed un disco con spazio vuoto a disposizione, grande almeno quanto la partizione da ripristinare.

Facciamo l’esempio che il disco rotto sia il primo, su linux sotto /dev/sda

Potete ripristinare tutto il disco o solo la partizione interessata (/dev/sda1 per la prima, /dev/sda2 per la seconda e così via).

Siccome è una operazione che richiede tempo, il mio consiglio è sempre quello di avere più partizioni nel disco, dividendole per importanza (nella prima il sistema operativo, non interessante, e nella seconda immagini, documenti e video, nella terza eventualmente film e serie tv che si possono recuperare altrove).

Dovete montare il disco nuovo, vuoto, in una posizione utile. Se è il secondo disco il comando sarà tipo:
mount /dev/sdb1/ /mnt/backup
Attenzione: il filesystem deve supportare file grandi, quindi deve essere NTFS, ext2 o ext3, ecc.

A questo punto potete utilizzare il comando ddrescue (attenzione, non dd_rescue, che è diverso e meno potente). E’ un comando che prova con insistenza a recuperare i dati del disco, senza interrompersi nel caso di errori. Utilizza inoltre una mappa del disco, che gli permette di girare a pezzi o essere eseguito più volte senza dover ricominciare il lavoro da zero.

Prima di tutto, cercate di recuperare la maggior parte dei dati con un primo passaggio:

1) ddrescue --no-scrape --no-trim --skip-size=50M /dev/sda2 /mnt/backup/immagine.img /mnt/backup/mapfile

Questo comando copierà i dati della partizione /dev/sda2 in una immagine nel disco nuovo, chiamata /mnt/backup/immagine.img, creando una mappa del recupero in /mnt/backup/mapfile.

Le altre opzioni servono per evitare due passaggi molto lenti (--no-scrape --no-trim) e fare un salto di almeno 50MegaByte in caso trovi un errore, per passare ad una zona migliore del disco.

Il comando si può interrompere quando si vuole, con i tasti CTRL+C. Riutilizzando sempre lo stesso mapfile, la seconda esecuzione non ripartirà da zero. Non conviene però interrompere spesso perché i settori saltati verranno ritestati.

A questo punto si può fare un secondo passaggio, lavorando sulla parte critica del disco, che è la prima:

2) ddrescue -i0 -s1G -d -r3 /dev/sda2 /mnt/backup/immagine.img /mnt/backup/mapfile

Questo comando parte dall’inizio della partizione (-i0), lavora sul primo GygaByte (-s1G), ritenta la lettura 3 volte in caso di errori (-r3), e va direttamente sul disco senza usare cache (-d)

La prima parte del disco spesso è la più importante perché contiene la mappa dei file, senza la quale non riuscirete ad utilizzare il resto dei dati recuperati.

Poi si può tentare un terzo passaggio, insistendo su tutto il disco che non è stato recuperato:

3) ddrescue --retrim -d -r3 /dev/sda2 --reverse /mnt/backup/immagine.img /mnt/backup/mapfile

In questo caso andiamo al contrario (–reverse), e facciamo in modo che il software marchi tutti i blocchi falliti come non ritagliati, e riprovando a recuperarli (in un ordine diverso rispetto ai tentativi indicati con -r3).

Se qualcuno dei passaggi è troppo lento, si possono togliere opzioni per farlo insistere meno. Più tempo darete al programma, più dati riuscirete a recuperare, arrivando ad un punto nel quale non ne varrà più la pena.

Ricordate che potete sempre ripetere i passaggi quante volte volete, magari cambiando le opzioni, dopo aver letto il manuale.

L’importante è che indichiate sempre la stessa immagine di destinazione ed il mapfile.

A questo punto avete la vostra immagine del disco recuperata. Potete consultare cosa c’è dentro, magari iniziando in sola lettura:

mount -o ro /mnt/backup/immagine.img /mnt/floppy 

Il nome floppy fa ridere, ma è una cartella come un’altra, sicuramente vuota e già esistente su systemRescueCD.

potete aprire il disco con il comando “mc”.

Potrebbe essere necessario un controllo del filesystem, che dipende dal tipo. Se era NTFS, conviene farlo controllare da CHKDS, dopo aver montato l’immagine in maniera virtuale con imdisk

In caso fosse ext3, invece, dovete prima di tutto smontare l’immagine

umount /mnt/floppy 

e controllare la partizione virtuale con

fsck.ext3 /mnt/backup/immagine.img.backup

(vi consiglio di fare una copia dell’immagine, prima di toccarla in scrittura, per questo ho indicato immagine.img.backup).

Altri programmi che possono tornarvi comodi:

photorec, testdisk

Fatemi sapere nei commenti se questa pagina vi è servita, o se avete altri consigli per gli utenti che dovessero riscontrare lo stesso problema.

I 5 stelle non hanno perso: grande vittoria a Parzanica!

I 5 stelle hanno perso molti voti, in queste amministrative di Giugno 2017. Eppure il nostro eroe Vito Crimi è soddisfatto per il grande risultato di Parzanica, comune di 400 anime del Bergamasco.

Vito Crimi trova comunque un motivo di soddisfazione in queste amministrative. “Parzanica, piccolo comune bergamasco, meno di 400 abitanti e un sindaco 5 Stelle”, scrive il parlamentare sul suo profilo Facebook.

Le Iene hanno ammesso che i loro video dei suicidi per “Blue Whale” erano falsi – Il Post

Le Iene hanno “questo tipo di narrazione”.

In un’intervista data a Selvaggia Lucarelli sul Fatto Quotidiano, l’inviato delle Iene Matteo Viviani ha ammesso di aver inserito dei video falsi nel servizio in cui ha raccontato “Blue Whale”, il misterioso fenomeno di internet nato in Russia che secondo qualcuno avrebbe spinto diversi adolescenti al suicidio ma sulla cui fondatezza circolano molte perplessità.

L’ammissione di Viviani è arrivata dopo un video della pagina Facebook “Alici come prima”, che ha scoperto che alcuni dei video che mostravano suicidi di adolescenti mostrati dalle Iene erano diversi da come erano stati presentati. Viviani, infatti, introduceva i video dicendo che mostravano ragazzi buttarsi giù dai palazzi per via della Blue Whale, che dovrebbe consistere in una serie di prove della durata di 50 giorni che comprendono automutilazione e privazione del sonno, e che si dovrebbero concludere con il suicidio di chi la sta facendo.

Il video di Alici mostra però che i filmati mostrati – che sono molto forti e disturbanti – in certi casi non possono essere collegati al Blue Whale: uno per esempio è stato girato in Cina (mentre Viviani diceva che erano tutti stati girati in Russia), un altro risale al 2010, prima che il presunto fenomeno cominciasse, e un altro ancora ha molti elementi che fanno pensare si tratti di un falso. Viviani ha spiegato a Lucarelli di aver ricevuto i video da una tv russa su una chiavetta USB, aggiungendo: «Ammetto la leggerezza nel non aver fatto tutte le verifiche». Ha però difeso la scelta di diffonderli, dicendo che «erano comunque esplicativi di quello di cui parlava il servizio». Alla domanda di Lucarelli sul perché includere dei video falsi, Viviani ha risposto: «Era solo il punto di partenza, cambiava qualcosa se mettevo un voice over di 4 secondi in cui dicevo che quei video non erano collegati al Blue Whale?».Viviani ha poi sostenuto che il servizio delle Iene abbia aiutato a sensibilizzare su Blue Whale, anche se apparentemente il dibattito sul tema è cominciato soltanto il giorno dopo la messa in onda dei video: secondo Viviani invece molti adolescenti sapevano già la storia prima. Nel servizio delle Iene si citava anche un adolescente di Livorno che secondo le Iene si era suicidato lo scorso marzo per Blue Whale: Lucarelli ha fatto notare che non fu quello il motivo, ma Viviani dice che le Iene avevano specificato che quella era la versione di un suo amico. Il servizio delle Iene raccontava il fenomeno con toni sensazionalistici, un comportamento sconsigliato ai media quando si parla di suicidi tra gli adolescenti: Viviani si è difeso dicendo che «Le Iene hanno questo tipo di narrazione», e che «cercare le debolezze nel servizio o certi titoli tipo “Le Iene incastrate nella loro falsità dal web” abbassano l’allerta su questo fenomeno». Finora non sono stati provati collegamenti diretti tra nessun suicidio e la Blue Whale, e fin dall’inizio è stato difficile capire se si trattasse di una leggenda di internet o di un fenomeno reale. Il sito Valigia Blu, che propende per la prima ipotesi, ha recentemente raccolto i dubbi e le smentite sugli articoli russi che ne hanno parlato per primi di Blue Whale, e ha ricostruito com’è stato raccontato il fenomeno sui giornali italiani, quasi sempre con toni allarmistici e senza molte verifiche, rendendo la questione ancora più confusa.

Fonte : Le Iene hanno ammesso che i loro video dei suicidi per “Blue Whale” erano falsi – Il Post

La legge Elettorale tedesca non ha più nulla di tedesco.

Era chiaro fin dall’inizio, che gli slogan sul nuovo sistema elettorale nascondevano in realtà un interesse personalissimo dei 4 capi-partito: Grillo, Renzi, Berlusconi e Salvini.

L’intenzione non è infatti mai stata quella di adottare un sistema tedesco, ma di creare un sistema che azzerasse le possibilità di successo dei fuoriusciti da PD e PDL (quindi ALA di Verdini, MDP di Bersani, NCD di Alfano), e prendersi i seggi dei voti di questi partiti.

Oltre a questo, l’idea del proporzionale che stanno partorendo conviene ai quattro per motivi diversi:

  • A Berlusconi permette di non scomparire, perché recupererà punti con il voto utile e dalla collocazione quasi solitaria nel centro-destra moderato. Successivamente guadagnerà ancora più potere grazie all’accordo con Renzi per formare un Governo di larghe intese.
  • A Renzi permette di abbattere sul nascere i fuoriusciti dal PD, richiamare il voto utile, governare come primo partito e diventare Presidente del Consiglio dei Ministri grazie ad un accordo con Berlusconi
  • A Salvini permette di correre da solo, attirare i voti degli estremisti di destra e di chi non vuole fare un accordo con Renzi
  • A Grillo permette di ottenere i suoi seggi in santa pace, nominare i suoi futuri eletti e rimanere fuori dal Governo: non sia mai che debba assumersi anche l’onere di passare dall’altra parte della barricata, e gestire la patata bollente di dover fare le cose (invece di lamentarsi dall’opposizione).

Tutti contenti, i quattro stanno ritagliandosi la legge perfetta. E siccome il tedesco non è perfetto per le loro esigenze personali, stanno togliendo i meccanismi di attribuzione dei seggi che tutto sommato ne avrebbero fatto un buon sistema.

Da sottolineare: il partito degli animalisti di Berlusconi non ha nessuna possibilità di superare la soglia di sbarramento, ed il nostro Silvio ha annunciato la sua proposta di legge il giorno stesso della presentazione di questo nuovo partito. Il padre ha ammazzato il suo agnellino.

 

Martedì l’aula della Camera metterà ai voti per la prima volta la nuova legge elettorale, il cosiddetto “modello tedesco”, frutto dell’accordo dei quattro principali partiti che siedono in parlamento: PD, M5S, Lega Nord e Forza Italia. In particolare negli ultimi giorni, la legge è stata molto modificata e non ha quasi più nulla dell’originale “sistema tedesco”.

Fonte: Il “sistema tedesco” non ha più nulla di tedesco – Il Post

L’usabilità nelle cose di tutti i giorni

L’usabilità non esiste solo in informatica e sul web, ovviamente, anche se spesso se ne sente parlare in questo contesto.

Un esempio banale può essere la confezione di un pacco di pasta. Cosa serve, nel momento clou? I minuti di cottura. 

Se li nascondi sul retro in dimensione invisibile complichi la vita al tuo cliente, che magari sbaglia cottura e non comprerà più il tuo prodotto in futuro.