Irregolari il 60% degli ISEE controllati

Un articolo del Corriere della Sera di oggi dice che su 8847 ISEE controllati dalla guardia di finanza, 5435 presentavano irregolarità che non avrebbero permesso l’accesso alle agevolazioni sociali richieste. Significa che hanno trovato un 61,43% di irregolarità.

Ovviamente si immagina che i controlli della GdF siano mirati sulle situazioni più a rischio, ma parti importanti di questo indicatore dipendono da autocertificazioni (ad esempio lo stato di Famiglia) e non da dati certificati da banche dati.

Prima di incrementare le agevolazioni, bisognerebbe automatizzare questi controlli per evitare che finiscano sempre nelle mani di chi dichiara il falso o lavora in nero…

Imprenditori che non trovano operai: fake news?

Anche oggi il corriere pubblica l’appello “disperato” di un imprenditore che non riesce ad assumere personale ed è costretto a rifiutare il 40% delle commesse arrivate.

Spesso queste notizie fanno tanto clamore ma dopo qualche giorno, come ammette lo stesso quotidiano nello stesso articolo, si capisce che le condizioni di lavoro offerte non erano esattamente quell’idillio che veniva pubblicato inizialmente.

Il mio dubbio è che queste aziende sfruttino questa disponibilità a pubblicare notizie simili per farsi solo pubblicità.

Quello che mi chiedo è perché, se spesso si rivelano false, i quotidiani continuino a pubblicarle senza prima fare una verifica delle effettive condizioni di lavoro offerte.

2000 euro sono lordi o netti? Si parla di raggiungere quella cifra grazie ad “extra”. Quali extra? Qual è lo stipendio di base? Di che trasferte stiamo parlando? L’imprenditore prima di lamentarsi è andato da un ufficio di collocamento o una agenzia interinale ad offrire lo stesso posto?


Premiare chi resta e non chi parte

Un articolo del sole 24 ore dice che il 37% delle imprese italiane chiude entro i primi 4 anni.

Pesano sia la crisi sia i trucchetti per evadere.

E’ chiaro che sia così: gli incentivi alle nuove imprese e la tabula rasa dei debiti con il fisco se chiude e si utilizza un prestanome come nuovo titolare.
Anche i casi recenti di cronaca politico/giudiziaria dimostrano che non è una cosa rara: il padre chiude la sua azienda per chiudere i debiti, la madre diventa il nuovo titolare fittizio, oppure i figli. Vi ricorda qualcuno?

Forse dovremmo ribaltare strutturalmente gli incentivi: se hai una storia di contributi e fisco a posto, se la tua azienda è in piedi da 30 anni e continua ad assumere nuovi dipendenti, se riduci il tuo impatto ambientale e se hai usato zero cassa integrazione o non hai licenziato negli ultimi anni dovresti essere premiato, fiscalmente, non sentirti un cretino in mezzo ad una marea di furbetti.

Le nuove iniziative imprenditoriali non sempre sono innovazione.
In alcuni settori specifici (costruzioni, commercio all’ingrosso, pronto moda), le imprese create per essere chiuse entro 2 o 3 anni sono spesso lo strumento per non pagare i contributi, l’IVA o il fisco, ammazzando di concorrenza sleale chi invece vorrebbe stare in regola.

Premiamo chi resta, chi assume più persone dell’anno precedente o aumenta gli stipendi. E controlliamo che chi parte lo faccia nella maniera corretta, per non creare danno a chi lavora correttamente.

Nemmeno sulle pensioni 1 vale 1

Vi ricordate quando Di Maio diceva che per ogni nuovo pensionato sarebbe stato creato un posto di lavoro?
Ovviamente non poteva essere così nel privato, ma almeno per il lavoro pubblico il Governo poteva rispettare questa regola.

Non solo non sarà così, ma pare che verranno congelate del tutto le assunzioni della Pubblica Amministrazione, quindi esattamente il contrario di quanto detto, ancora una volta:

Congelamento assunzioni Pa
In base a quanto riportato nell’emendamento, Presidenza del Consiglio, ministeri, enti pubblici non economici, agenzie fiscali e università non potranno assumere personale a tempo indeterminato prima del 15 novembre 2019: secondo la relazione tecnica i risparmi sono pari a 100 milioni in termini di indebitamento netto.

Fonte: I nuovi saldi della manovra: taglio da 2,7 mld alle pensioni e da 1,9 mld al reddito di cittadinanza. Crescita ridotta a +1% – Il Sole 24 ORE