Quando sei in cabina e giochi la schedina

In questo articolo
Franca Chiaramonte spiega la sua politica e le motivazioni che hanno portato i DS al voto a favore del recepimento della direttiva EUCD.
L’articolo non sembra proprio provenire da un partito di sinistra, o almeno quella sinistra che vorrebbero farci credere.

In altre parole, non si punisce il copyleft, il cosiddetto “permesso d’autore”, ma si tutela chi a questa pratica e a questa scelta non accede. Le major? Anche, certo. Anche un film porta soldi in tasca al produttore e – forse troppo poco – all’autore e agli altri detentori di diritti.

La cultura, qui come in altri penosi interventi, viene mercificata e resa “prodotto”: probabilmente la punizione peggiore che potremmo infliggerle.

Allora mi torna in mente un pezzetto del testo dell’ultima canzone di Frankie Hi Nrg:

Da un bel pezzo c’è st’andazzo e non prendetemi per pazzo se ipotizzo ‘ste compromissioni storiche, ma qui nel nostro Stato il campionato vien giocato solamente da due squadre con le maglie identiche.

Esiste veramente una scelta, oppure qualsiasi partito venga appoggiato questo approverà le stesse leggi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *