Giornata Nazionale del Risparmio Energetico

Caterpillar
In concomitanza con l’entrata in vigore del trattato di Kyoto, la trasmissione radiofonica Caterpillar, in onda su RAI 2 dal lunedì al venerdì dalle ore 18 alle ore 19,30, organizza per il giorno 16 febbraio la prima giornata nazionale del risparmio energetico. L’iniziativa si propone di ridurre i consumi di energia attraverso una riduzione degli sprechi e delle inefficienze che si possono ottenere:
– con una gestione più attenta nel quotidiano degli elettrodomestici, dell’illuminazione, del riscaldamento;
– con l’uso di elettrodomestici e lampade a maggiore efficienza e con l’introduzione di modifiche strutturali nei propri impianti energetici e negli edifici (coibentazione, doppi vetri, infissi).

Per quanto riguarda la gestione del quotidiano, verranno forniti suggerimenti da adottare nei propri comportamenti e verranno fatte conoscere iniziative già attuate da singoli individui, famiglie, gruppi, associazioni, scuole, uffici, officine ecc.

Per quanto riguarda le modifiche strutturali verranno dati consigli tecnici e suggerimenti di metodologie contrattuali che consentono di non effettuare spese d’investimento iniziali, ma di ammortizzarle con i risparmi economici conseguenti ai risparmi energetici che si ottengono.

Ma c’è un aspetto in più, che costituisce l’obbiettivo emblematico di questa iniziativa ed è strettamente connesso alle caratteristiche del mezzo radiofonico e della trasmissione che se ne fa promotrice: la verifica della riduzione dei consumi di energia elettrica il giorno 16 febbraio, attraverso i dati dei consumi di chilowattora elettrici forniti in tempo reale sul sito del Gestore della Rete Nazionale di Trasmissione. In questo modo si potrà misurare quanto l’adozione di comportamenti finalizzati a ridurre gli sprechi e a usare in modi più razionali l’energia riesca a incidere nella riduzione delle emissioni di CO2 a livello nazionale.

Grazie a Maurizio Pallante e a Michela Nanni per avermi comunicato l’iniziativa, ed a tutti coloro che ci aiuteranno a divulgarla.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *