SpronaCoop – La Coop arretra in trasparenza

Fino al 2002 sulla confezione di ogni prodotto COOP era riportato il nome della ditta che lo aveva fabbricato, indicando nome, cognome e indirizzo. Oggi invece è indicato soltanto l’indirizzo dello stabilimento, senza dichiarare il nome del produttore.

Quindi Peacelink ha dato il via ad un’iniziativa per convincere la Coop a tornare indietro, ripristinando quella trasparenza che l’ha sempre caratterizzata.

Ricordo che spesso i prodotti con il marchio del supermercato sono gli stessi che hanno marche più note e che sono pubblicizzate. Per accorgersi di questo bastava guardare il produttore: è noioso pagare lo stesso prodotto due cifre differenti a causa del marchio.

Ma non è solo questione di prezzo. Inserire il produttore e le notizie su quello che si vende è una buona abitudine che serve a rendere più tranquilli i consumatori che vogliono controllare quello che mangiano. La provenienza, i contenuti, chi sta dietro ad un oggetto, credo siano notizie che la gente possa sapere.

Se si ritiene che sia meglio nasconderle allora si aggiunge un motivo in più a coloro che vogliono sapere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *