Elezioni Primarie: Come si vota e come funzionano

Siccome non ho trovato online una pagina che chiarisse le modalità di svolgimento delle prossime elezioni primarie che si terranno il 16 Ottobre per decidere il leader che l’Unione presenterà alle prossime elezioni politiche, cercherò di mantenere un piccolo howto (come-fare, letteralmente), con le risposte alle domande più frequenti.

D: Quando si vota?

R: Domenica 16 ottobre, dalle 8 alle 22 (lo scrutinio avverrà alla chiusura delle urne)

D: Chi può votare per le elezioni primarie?

R: Possono partecipare alla “Primaria 2005”, in qualità di elettori, tutti i cittadini che abbiano titolarità del diritto attivo di voto per le elezioni della Camera di Deputati. I giovani che hanno compiuto il 18° anno dopo l’ultima tornata elettorale svoltasi nel comune di residenza o che lo compiranno entro la data di scadenza naturale della XIV legislatura (entro il 13 maggio 2006), eserciteranno il diritto di voto nel seggio speciale istituito nel territorio e, qualora sprovvisti di tessera elettorale, potranno votare esibendo un valido documento di identità, dal quale risulti la residenza. Gli immigrati regolarmente residenti da almeno tre anni nel nostro Paese, che si saranno registrati, entro il 7 ottobre 2005, presso il centro stranieri della CGIL o presso i banchetti o le sedi dei partiti del centro sinistra dislocate sul territorio. A Forlì anche nella sede dei Verdi, contattatemi se volete essere iscritti nella lista!

Gli studenti ed i lavoratori domiciliati fuori dalla provincia di residenza, potranno votare in seggi speciali nella provincia di domicilio, previa iscrizione, entro il 7 ottobre 2005, in appositi elenchi istituiti dagli Uffici provinciali tecnico-amministrativi. Entro il 12 ottobre 2005 gli Uffici provinciali dovranno trasmettere tali elenchi, distinti per provincia di residenza, all’Ufficio nazionale tecnico-amministrativo. Questo provvederà a trasmettere immediatamente agli Uffici provinciali di residenza gli elenchi di cui sopra al fine di notificare ai seggi di origine la rinuncia dell’esercizio del diritto di voto in quella sede.

D: Cosa bisogna fare per essere ammessi al voto?
R: Per essere ammessi al voto occorre esibire al seggio un documento di identificazione e la propria tessera elettorale. E’ necessario inoltre dare espresso consenso a che il proprio nominativo sia inserito nell’elenco dei partecipanti alla votazione e a che l’elenco stesso sia reso consultabile da parte di chiunque vi abbia interesse al fine di ogni eventuale verifica relativa all’effettiva partecipazione al voto dei cittadini. Sarà necessario offrire un contributo (minimo 1€) per la copertura delle spese elettorali.

D: Dove si vota?
R: Saranno istituiti dei seggi per le primarie che raggrupperanno più seggi elettorali. E’ stata pubblicata una tabella con l’ubicazione dei seggi che specifica il seggio di appartenenza di ciascune elettore, sulla base del numero del seggio per le elezioni politiche.

D: Che cosa è il Progetto per l’Italia?
R: Il Progetto per l’Italia: I principi e le azioni dell’Unione è un documento
programmatico nel quale l’Unione si riconosce e che viene proposto alle italiane e agli italiani per la rinascita del paese, per un futuro di pace, di giustizia, di libertà, di benessere.
E’ il progetto al quale i candidati alle consultazioni primarie fanno riferimento nell’indicare le proprie priorità programmatiche, ed è il documento che i partecipanti come cittadini elettori dichiarano di condividere.
Il testo completo si trova anche qui:
Progetto per l’Italia: I principi e le azioni dell’Unione

Attualmente esistono due documenti che regolamentano queste elezioni primarie, che trovate qui:
Regolamento quadro primarie 2005
Regolamento per lo svolgimento della campagna elettorale

Per qualsiasi altra domanda, potete commentare questo articolo ed inserirò prima possibile una risposta!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *