Tangenziale di Forlì – L’inaugurazione del 1° lotto il 19 Novembre

Il ritrovo alle 11.00 presso la sala convegni della Fiera di Forlì. E’ un primo tratto che si apre alla viabilità cittadina e che fa parte di un sistema, per il quale altri interventi sono in corso di realizzazione, che per dimensioni e per impatto sulla mobilità forlivese non ha eguali.

Si inaugura lunedì 19 novembre, alle 11.00, il 1° lotto della Tangenziale Est di Forlì. Il programma prevede il ritrovo presso la sala convegni della Fiera con l’intervento del Presidente ANAS Pietro Ciucci, del Sindaco Nadia Masini, del Presidente della Regione Vasco Errani, del capo compartimento ANAS dell’Emilia-Romagna Lelio Russo, del Presidente della Provincia di Forlì-Cesena Massimo Bulbi e le conclusioni del Vice Ministro Roberto Pinza. Seguirà la benedizione impartita dal Vescovo Mons. Lino Pizzi.

L’INTERVENTO
L’opera rientra nel complesso Sistema Tangenziale di Forlì, che comprende tre progetti coordinati tra loro: la Tangenziale Est, a sua volta divisa in 5 lotti; l’Asse di Arroccamento, a sua volta diviso in 2 lotti e la Tangenziale Ovest.

I BENEFICI
L’intero Sistema Tangenziale si svilupperà per complessivi 27,35 Km e avrà un ruolo insostituibile di alleggerimento del traffico che attualmente grava su Forlì.
In particolare la Tangenziale Est, lunga 17 Km circa, costituirà un asse preferenziale Nord – Sud di collegamento con l’autostrada Bologna-Ancona.
L’apertura al traffico del primo tratto del lotto I consentirà di collegare il traffico proveniente dalla Via Emilia con le zone industriali di Forlì, oltrepassando in maniera diretta la linea ferroviaria Bologna-Ancona. Fondamentale è, infine, il rapporto della nuova infrastruttura con l’ambiente esterno: l’utilizzo di pavimentazioni drenanti e di barriere fonoassorbenti riducono l’impatto della strada con il territorio.

DATI TECNICI
– lunghezza complessiva del tracciato del I lotto: ml. 1.800 dall’incrocio Via Mattei-Via Golfarelli-Via Romagnosi all’attacco con il 2° Lotto.
– lunghezza del tratto oggetto di apertura al traffico: ml 1.300
– sezione stradale costituita da due carreggiate, ognuna con due corsie di marcia da ml. 3,50, spartitraffico centrale di mt. 1,10 e due banchine laterali di ml. 1,75 pavimentate per un totale di ml. 18,60
– larghezza sede pavimentata: ml 18.60

Viadotto Ferrovia: lunghezza 345 m, campate 10
– Sottopasso Viale Roma (S.S.9): lunghezza 75 m

COSTO DELL’OPERA
Costo dell’opera: Euro 30.978.728,61 di cui Euro 23.930.854 per lavori e Euro 7.047.873 per somme a disposizione
DESCRIZIONE DELL’INTERVENTO
La Tangenziale Est, lunga 17 Km circa, costituisce un asse preferenziale Sud-Nord, che collega nell’ordine: le zone pedemontane di Predappio, Fiumana e S. Lorenzo, l’ospedale Pierantoni (il più importante della provincia), la Bidentina a livello di Bussecchio, la SS 67 a livello di S.Varano, l’aeroporto “Ridolfi” attualmente fortemente penalizzato dalla collocazione nella rete infrastrutturale, privo di un collegamento rapido con la rete autostradale, la via Emilia, l’area Industriale del Ronco e l’autostrada Bologna-Ancona.
L’intervento relativo al 1° lotto della Tangenziale Est, è stato aggiudicato ad un ATI di cui l’Impresa OBEROSLER di Bolzano è la mandataria.
Il 1° lotto in oggetto si sviluppa per una lunghezza di quasi due chilometri (ml. 1.800,91), con tratti in rilevato, in viadotto e in trincea, dall’incrocio Via Mattei-Via Golfarelli-Via Romagnosi all’attacco con il 2° Lotto..
Ha inizio in corrispondenza di via Mattei dove viene realizzata una rotatoria alla quota stradale attuale e due rampe di collegamento all’asse della tangenziale; il tracciato si sviluppa quindi in rilevato fino alla spalla del viadotto che sovrappassa l’Asse di Arroccamento, la Ferrovia e via Dragoni; si tratta di un viadotto di dieci campate della lunghezza complessiva di 315 metri.
Il lotto prosegue fino ad intersecare Viale Roma, che viene sottopassata realizzando uno svincolo a diamante a quattro rampe. Dal sottopasso di Viale Roma si ritorna alla quota di campagna per collegarsi con il secondo lotto.
Il progetto prevede tre svincoli di cui due definitivi e uno provvisorio per rendere funzionale il Lotto.
I definitivi sono il “Quadrifoglio” che collega la Tangenziale con l’Asse di Arrocamento e quindi la A14 la zona industriale e la viabilità secondaria e “Viale Roma” che collega il traffico di Viale Roma e zone circostanti con la tangenziale.
Il provvisorio è lo svincolo Via Mattei che collega la Tangenziale con l’Asse di Arroccamento e la zona industriale “Coriano” ed è necessario per rendere funzionale il Lotto.

ASSE DI ARROCCAMENTO

S.S. 9 “via Emilia” – Al via anche i lavori di costruzione del 1° lotto e del 2° lotto dell’Asse di Arroccamento lungo il Sistema Tangenziale di Forlì
DESCRIZIONE DELL’INTERVENTO
Il progetto in argomento è relativo al 1° lotto e al 2° lotto dell’Asse di Arroccamento lungo il Sistema Tangenziale di Forlì” sulla S.S. 9 “Via Emilia”.
L’intervento è stato aggiudicato all’ATI C.M.B. – COOP. MURATORI E BRACC. DI CARPI S.C.A.R.L. – CONS. COOP. CONSORZIO FRA COOPERATIVE DI PRODUZIONE E LAVORI – COOPERATIVA BRACCIANTI RIMINESE S.C.A.R.L..
Si tratta di una variante della S.S.9 via Emilia della lunghezza complessiva di circa 8 chilometri, che consente di superare il centro abitato a nord della città e l’alleggerimento del traffico cittadino.
L’intervento, suddiviso in due lotti, prevede il collegamento della S.S.9 “Emilia” (all’altezza di Via Virgilio) con il ramo del Sistema Tangenziale di Forlì denominato Tangenziale Est. Il 1° Lotto ed il 1° tronco del 2° Lotto sono il completamento di un tronco entrato in funzione nel 1992 della lunghezza complessiva di circa 5,5 km ed in gestione ANAS e collegano la S.S. 9 Emilia (all’incirca in corrispondenza di Via Virgilio) con la S.S. 67 Ravegnana. L’intervento consiste nella realizzazione di tutte le opere necessarie al raddoppio della carreggiata stradale attualmente esistente.
Il 2° tronco del 2° Lotto consiste, invece in una nuova opera a tutti gli effetti e prevede il collegamento con la Tangenziale Est (1° e 4° Lotto, svincolo a quadrifoglio).
Lungo il tronco 2 del lotto 2 la carreggiata è costituita da due corsie per senso di marcia della larghezza di 3,75 m, banchina della larghezza di 1,75 m e spartitraffico centrale della larghezza di 3,00 m. La larghezza complessiva della sede stradale passa quindi da 18,60 m a 21,50 m.
A circa 350 m dall’inizio del tronco 2 si trova l’imbocco della galleria artificiale con la quale vengono sottopassate nell’ordine Via Ravegnana, via Macero Sauli e via Bertini. La galleria ha una lunghezza di 984 m ed in corrispondenza dei due imbocchi è stata prevista la realizzazione di due svincoli a rotatoria per il raccordo con la viabilità superficiale comunale, lo svincolo di via Ravegnana e quello di via Bertini. Superato lo svincolo di Via Bertini il tracciato sale e procede in rilevato fino allo svincolo con la Tangenziale Est in corrispondenza del quale termina l’intervento.

Svincoli e viabilità secondarie: svincolo con la “via Emilia”, svincolo “Via Monte S. Michele”, svincolo di via Ravegnana, svincolo di via Bertini, intersezione a livelli sfalsati dell’Asse di Arroccamento con la Tangenziale Est.
Opere d’arte principali:
– II progetto comprende le opere d’arte per il al completamento del tratto esistente e la realizzazione completa delle opere del nuovo tracciato. Per completare i primi 5 km circa di tracciato esistente (lotto primo e parte del secondo) dovranno essere realizzate le opere d’arte in affiancamento a quelle oggi esistenti e già in esercizio, destinate ad accogliere la nuova carreggiata in direzione est e di seguito elencate: Sovrappasso di via Paduli, Ponte sul fiume Montone, Cavalcaferrovia, Sovrappasso di via Lughese, Sovrappasso di via Lunga, Sovrappasso di via Trentola, Sovrappasso di via Bengasi, Sovrappasso della Pianta (via Tripoli)
– Lungo il nuovo tracciato (II lotto, tronco secondo) le principali opere d’arte da realizzare interamente risultano essere le seguenti: Galleria artificiale tra via Ravegnana e via Bertini, Ponticello sul Fosso Cerchia, Sovrappasso su via Edison, Rampe d’accesso in viadotto alla Tangenziale Est.

COSTO DELL’INTERVENTO
Il progetto esecutivo dell’intervento in oggetto è stato approvato per un importo complessivo pari a Euro 105.352.795,89, di cui Euro 74.323.436,29 per lavori e Euro 31.029.359,60 per somme a disposizione.

Una risposta a “Tangenziale di Forlì – L’inaugurazione del 1° lotto il 19 Novembre”

  1. Dai dati comunicati del recente (in corso) terremoto, la terra si è spostata di 14 cm. Le travi in c.a.dei viadotti sono solo APPOGGIATI sui pilastri. Le fondazioni dei pilastri sono su pali trivellati in ambiente sabbioso e non collegati tra loro, ne assialmente all’asse della strada, ne trasversalmente. Qalcuno ci ha pensato??? I prossimo viadotti come saranno fatti???

    DELLAVALLE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *