Il difensore civico

Il difensore civico dovrebbe avere un ruolo di tutela dei cittadini, indipendente dalla maggioranza eletta.
Lunedì i Verdi si sono astenuti dal votare nel ballottaggio il rinnovo di Battistini, sostenuto dal PD, dall’Udeur e da Rifondazione, senza appoggiare il candidato del PDL.

Purtroppo la modalità di elezione fa in modo che comunque questa figura possa non essere espressione di tutto il Consiglio Comunale (e di conseguenza di tutta la città), perché dopo un certo numero di votazioni a maggioranza qualificata (i 2/3 del Consiglio, quindi con obbligo di coinvolgimento dell’opposizione) si scende alla maggioranza relativa (quindi maggioranza dei presenti).
E’ chiaro che con questo sistema anche le votazioni precedenti avvengono con la prepotenza conseguente alla sicurezza di poter eleggere da soli un candidato.

Il ruolo e le modalità di elezione del difensore civico andavano ed andrebbero ridiscussi, e la forzatura di procedere senza un dialogo con l’opposizione è una dimostrazione di forza che penalizza solo i cittadini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *