La tecnologia contro gli scrocconi del bus

Oggi su una lettera al Resto del Carlino di Forlì ci si chiedeva il giorno in cui la tecnologia avrebbe aiutato a bloccare gli scrocconi del trasporto pubblico.
In realtà non si parla di futuro: ad Istanbul già dieci anni fa i passeggeri entravano sui bus con una chiavetta magnetica, strisciandola davanti all’autista. Ai paganti ed agli abbonati il dispositivo emetteva un bip rassicurante, agli altri lo stesso conducente impediva l’accesso.
Nessuna necessità di personale aggiuntivo addetto ai controlli.
Semplice ma efficace.
Sono passati dieci anni e sono state introdotte tante novità, come i pagamenti da cellulare.
Quello che manca non è la tecnologia, ma la volontà di applicarla per fare rispettare le regole.

La vecchia chiavetta utilizzata ad Istanbul dal 1995 al 2009 per tutto il trasporto pubblico. Ora è stata sostituita da una smart card contactless.

Approfondisci:
1 – Wire
Istanbulkart

Salsamenteria Tomba, ovvero come salvare i piccoli negozi storici

Foto by Alfredo Spagna su Flickr: https://www.flickr.com/photos/alfre_pictures/3582024110

Leggo di una petizione online per salvare la Salsamenteria Tomba di Forlì. Mi dispiace che chiuda, è un pezzo di storia di Forlì che se ne va.

Vorrei però invitare chi sta firmando online ad una riflessione: che senso ha? Quante volte siete andati, nell’ultimo anno, ad acquistare da questo negozio?

Se vogliamo salvare i negozi storici, o le piccole nuove realtà che cercano di fiorire fuori dal contesto della grande distribuzione, dobbiamo sostenerli economicamente.

E’ banale, basta fare la spesa in questi posti, invece che fuori. E fargli pubblicità come possiamo: su Facebook, via email, o meglio ancora con una parola agli amici. Fate un gruppo di acquisto, per facilitare la vita del commerciante e la vostra.

Le petizioni non servono a nulla, in questo caso. Nulla.

Semmai una politica urbanistica e di mobilità diversa può aiutare le attività a non chiudere, prima che vadano in crisi.

A Forlì una cena di solidarietà per le popolazioni terremotate

2570484978_3ee13e3aa7_zIl Consorzio Solidarietà Sociale organizza per giovedì, nel parco adiacente a L’Apebianca in via F. Lami, 2 , una cena di solidarietà a favore della popolazione colpita dal sisma dello scorso 24 agosto. La cena, organizzata in collaborazione con il comitato di quartiere Ronco, associazione di volontariato Sintonia e Slow food avrà inizio alle ore 20 e sarà affiancata dal mercato dei produttori locali allestito nella stessa area. Il menù propone prodotti del territorio e Presidi Slow Food delle regioni colpiti dal sisma. A fare da accompagnamento la suggestiva musica di un’orchestra. Buona parte dell’incasso della cena, che sarà allestita a buffet con tavoli e sedute, verrà devoluta a scopo benefico.

Photo by George Worker

Giovanni Marchini – Mostra gratuita alla Galleria Farneti

Fino al 13 Aprile presso la Galleria D’arte Farneti, in via Degli Orgogliosi 7 a Forlì, si terrà una mostra dedicata al pittore forlivese Giovanni Marchini.

L’esposizione, organizzata in ricordo dell’artista a settant’anni dalla sua scomparsa, esprime la forza pittorica e nel contempo la grande poesia che caratterizzano le opere di questo artista attraverso tele quali “I vecchioni del ricovero”, “ Sciagura in mare” ed in altre opere storiche ma attualissime nei loro contenuti; da segnalare poi i paesaggi, i pastelli ed i dipinti  a carattere religioso, assolutamente inediti, ed esposti per questa occasione. La mostra è corredata da un libro curato dalla famiglia Marchini: nel testo sono riportate la maggior parte delle opere che danno al pubblico la possibilità di approfondire le conoscenze sull’uomo e l’artista. La mostra sarà aperta dalle 10 alle 12.30 e dalle 16.30 alle 19.30 tranne il giovedì e i festivi.

Fonte: Una mostra per ricordare l’artista Marchini in galleria Farneti