Stop agli occhiali 3d

Una decisione del Consiglio Superiore di Sanità vieta gli occhiali non monouso. Questo significa, in sostanza, che gli unici occhiali 3D a poter essere utilizzati saranno quelli passivi, che provocano più fastidi di quelli attivi.

Se il problema da risolvere era quello delle possibili trasmissioni di batteri, non bastava prendere una decisione sull’effetto da ottenere (zero batteri) piuttosto che decidere la tecnologia utilizzabile? Chi ha fatto decine di migliaia di euro di investimenti nelle tecnologie migliori, avrebbe semplicemente potuto sterilizzare gli occhiali, come fa il barbiere con le lamette.

2 risposte a “Stop agli occhiali 3d”

  1. Ma si sono bevuti il cervello ? E’ una decisione scandalosa, non tanto quella di vietarla agli under 6, quanto il fatto che siano monouso. Plastica e filtri polarizzati sono altamente inquinanti, inoltre dubito che qualcuno sano di mente possa rendere monouso quelli attivi a tecnologia LCD.

    Sarebbe come se facessero monouso i telefonini… in effetti, si appoggiano all’orecchio, e poi li infiliamo dappertutto, non è vero ? Chi ci assicura di non prenderci delle otiti fulminanti ?

    Voglio vedere una campagna per i telefonini monouso SUBITO, per la tutela della salute dei consumatori…..

    Anche i treni e gli autobus monouso non sarebbe male, pensate a quanti si aggrappano a quella maniglia e si siedono in quel lurido sedile.

    Anche certa gente, in effetti, sembra usare il proprio cervello “monouso”, ed evidentemente questo è il loro secondo tentativo di utilizzo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *