Incenerimento: soluzione del problema rifiuti, o fonte di nuovi problemi per la città?

Venerdì 7 ottobre 2005 ore 20,45 all’AUDITORIUM DELLA CASSA DI RISPARMIO DI FORLI’ di Via Flavio Biondo n° 16 si terrà un incontro pubblico sul tema:
Incenerimento: soluzione del problema rifiuti, o fonte di nuovi problemi per la citta’

Relatori:
Dott. Federico Valerio, ( Responsabile Servizio Chimica Ambientale Istituto Nazionale Ricerca sul Cancro di Genova): La gestione del problema rifiuti: impatti ambientali a confronto.

Dott. Patrizia Gentilini, (Oncoematologa ISDE Italia): Ambiente e Salute: impatto dell’incenerimento dei rifiuti sulla salute umana.

Coordinamento Tecnico Confedilizia: Implicazioni e ricadute economiche sul territorio.

La Cittadinanza è invitata

Il volantino dell’iniziativa.

Una risposta a “Incenerimento: soluzione del problema rifiuti, o fonte di nuovi problemi per la città?”

  1. Se in molte realtà ci sono persone contro i termovalorizzatori significa che non bisogna fidarsi di quest’impianti e di stare attenti a un loro eventuale utilizzo.
    Il proplema in Italia è quello di riuscire a fare una corretta raccolta differenziata che raggiunga il 100% e chiaro che questo non può essere mai possibile con la raccolta porta a porta ma solo se si utilizzano impianti meccanizzati per la separazione dei rifiuti e allora perchè non indirizziamo l’Italia atraverso una politica d’incentivazione per l’acquisto di questa tecnologia? La raccolta differenziata quella che comunemente definiamo porta a porta ha dei grossi limiti e non potrà mai raggiungere il 100% che invece si può raggiungere con questi tipi d’impianto.
    Si potrebbero inventivare anche i privati a fare questo tipo di lavoro? Penso che potrebbe essere un idea azzeccata perchè il fine dell’azienda è il locro e questa nuova iniziativa potrebbe creare nuovi posti di lavoro senza che i nostri rifiuti varcano i confini facendo guadagnare gli stranieri. cosa ne pensate?

    in Italia è quello di riuscire a fare in Italia una raccolta differenziata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *