Alessandro Ronchi

Seguire l’esempio cinese? No grazie!

CensuraSu internet si sente una certa puzza, da qualche tempo. E’ l’odore di chi si è svegliato da poco ed ha curiosato su internet, chiaramente senza capire come funziona, e subito è stato preso dal panico censorio.
L’ultimo di questa lunga lista è Frattini, che auspica l’inseguimento di un modello di censura che consenta di limitare i contenuti pericolosi del web.

Qualcuno spieghi a queste persone che:
1) Se cerchi di eliminare un contenuto dal web, tagliando una fonte si moltiplicheranno le copie e la sua diffusione, come quando si taglia un fungo e si lasciano cadere le spore in una terra fertile.
2) Puntare il dito contro un esempio negativo (che sia pedofilia, terrorismo o altro) per giustificare un sistema di censura o controllo è un esempio vecchio e peggiore di quello che si cerca di combattere: i contenuti vietati saranno comunque disponibile con altri canali, mentre censura e controllo rimarranno anche per chi non viola nessuna legge. Cerchiamo magari di chiudere il cerchio verso chi viola la legge, le regole ci sono già, basta farle rispettare.
3) Forse è proprio per introdurre censura e controllo che si utilizzano capri espiatori, come fu per il Patrioct Act americano, che se da un lato è completamente inutile contro i terroristi (che non si scrivono email in chiaro) è utilissimo per controllare la società
4) Con tutti questi esempi di controlli politici mirati a smontare attraverso violazione di privacy il proprio avversario, non mi pare proprio il caso di insistere su questo fronte.

Seguire l’esempio cinese? No grazie!

Un commento su “Seguire l’esempio cinese? No grazie!

  1. Non ho parole … magari sarà proprio Frattini che decide cosa e come censurare.

    Ormai con sta storia del terrorismo stiamo diventando come i sassaioli dai cavalcavia … a forza di parlarne si moltiplicano anche i disponibili kamikaze.

    Forse ho esagerato ma proprio la censura non mi va giù, in nessuna forma e maniera auspicata!!!!

    Saluti radiosi

I commenti sono chiusi.

Torna su