2 risposte a “La scuola non dovrebbe essere sede di partito”

  1. Difendevano la croce nelle scuole, il passo dopo è questo.
    La scuola è per tutti e quindi dovrebbe essere zona franca.

    Siamo al fascismo già da un pò di tempo. Nessuno può dire di preciso da quando perchè gli episodi sono tanti e scaglionati. Questo fascismo credo abbia armi più potenti di insabbiamento.
    Certo c’è la rete, ma è uno strumento e può essere usato anche nel verso sbagliato.

  2. non si tratta di fascismo, anzi, siamo proprio agli antipodi di una politica nazionalista con il patriottismo come valore fondamentale.
    Siamo nel berlusconismo, un periodo che fra 20 anni ci si chiederà come sia potuto accader tutto questo.
    La Lega non deve sorprendere, fa il suo mestiere, la Lega – aldilà degli slogan e dei manifesti – è il partito più democristiano fra quelli esistenti oggi.
    Cura gli interessi di un territorio, basti pensare a come sono stati curati gli interessi degli allevatori del nord che a differenza dei colleghi del resto d’Italia non pagano le quote latte.
    Come fanno a non votarli ad Arzignano?
    http://www.youtube.com/watch?v=3XN5_2N7b8c
    E’ normale che ottengano consensi, il metodo è lo stesso utilizzato specialmente al sud dai democristiani, quello del favore al privato e al territorio.

    Semmai c’è da chiedersi come sia possibile che un partito con il 10% dei consensi, possa fare e disfare. Lo può fare perchè la Lega è anche la bombola d’ossigeno del PDL, la gamba che permette di tenersi in piedi.

    Una politica che viene venduta come “di destra”, ma che in realtà di destra ha pochissimo, quasi nulla.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *